Welfare, i punti dell’accordo – Deroghe agli stagionali per i contratti a tempo e nuove finestre previdenziali. Per i giovani l’impegno di garantire pensioni pari al 60% della retribuzione

Deroghe agli stagionali per i contratti a tempo e nuove finestre previdenziali. Per i giovani l'impegno di garantire pensioni pari al 60% della retribuzione

 

Dopo una lunga e travagliata trattativa, il governo ha raggiunto l’intesa con le parti sociali sui punti più controversi: la disciplina dei contratti a termine e le pensioni per i giovani lavoratori. Vediamo nel dettaglio quali sono le novità del nuovo disegno di legge.

Contratti a termine. E’ stato confermato il limite di 36 mesi, comprendente proroghe e rinnovi. Poi il contratto è considerato a tempo indeterminato. L’accordo rende possibile la stipula di un ulteriore contratto a termine per una sola volta. A condizione che le aziende, in 20 giorni, negozino il rinnovo presso la direzione provinciale del lavoro con l’assistenza di un rappresentante sindacale scelto dal lavoratore.
Questa disciplina non si applica ai lavoratori stagionali.

Per garantire un’entrata in vigore graduale del nuovo regime è stato previsto un periodo transitorio di 15 mesi per i contratti in corso. Infine è stato previsto il diritto di precedenza nelle assunzioni a tempo indeterminato effettuate nei successivi 12 mesi per i lavoratori che hanno lavorato oltre i sei mesi. La precedenza sarà applicata anche ai lavoratori stagionali.

Previdenza. Le maggiori novità interessano i giovani. Il governo si è impegnato a proporre politiche in grado di garantire un tasso di sostituzione non inferiore al 60%.

Il ddl, inoltre, ripristina le 4 finestre per le pensioni anticipate con 40 anni di anzianità – con la riforma Maroni dal 2008 sarebbero diventate 2 – e come compensazione sono state introdotte 4 finestre per la pensione di vecchiaia.

Aliquote contributive. L’incremento dello 0,09% arriverà dal gennaio 2011, ma solo a condizione che dalla razionalizzazione degli enti previdenziali non arriveranno risparmi sufficienti. Su questo punto, il governo si è preso l’impegno di presentare un piano industriale entro la fine del 2007.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Welfare, i punti dell’accordo – Deroghe agli stagionali pe...