Visite fiscali, il Polo unico scoraggia i furbetti del certificato: calo del del 13,1%

"Tutela i lavoratori scoraggiando i comportamenti opportunistici". Lo ha detto Tito Boeri, presidente dell'Inps

(Teleborsa)  Vita sicuramente più dura per i “furbetti” del certificato, ossia per quella fetta di lavoratori col brutto vizietto di ricorrere a qualche giorno di malattia di troppo quando non proprio necessario. L’Inps ha effettuato 144mila visite fiscali ai dipendenti pubblici tra settembre e dicembre 2017, registrando un calo dei certificati di malattia del 13,6%.
Numeri forniti dallo stesso presidente dell’Inps, Tito Boeri, il quale ha spiegato che la riduzione dei giorni di malattia è stata del 10,6% a fronte del -3,3% registrato nel settore privato. Secondo il numero uno dell’Istituto di previdenza si tratta di dati “incoraggianti”.

Sembra proprio, insomma, che il Polo unico delle visite fiscali che ha dato all’Inps la competenza esclusiva a gestire le visite mediche di controllo anche per l’82% dei lavoratori pubblici stia dando buoni frutti oltre a “tutelare i lavoratori scoraggiando i comportamenti opportunistici”, come ha sottolineato Boeri presentando i primi risultati del Polo unico (riferiti all’ultimo quadrimestre del 2017).

CALO CONSISTENTE AL SUD – Un altro dato positivo e che fa ben sperare in ottica futura è quello che riguarda il Sud dove la riduzione dei certificati presentati nel settore pubblico è stata più consistente facendo registrare un calo del 16%. “I dati sono incoraggianti sul ruolo e sul coinvolgimento dell’Inps – ha sottolineato il presidente Tito Boeri – e mostrano che il nostro impegno ha avuto effetti importanti sui comportamenti”.

8.500 domande certificazione Ape volontaria  – Al termine della presentazione dei risultati del polo unico per le visite fiscali, Boeri ha anche reso noto che all’Inps sono arrivate già 8500 domande di certificazione per l’Ape volontaria, aggiungendo che sono state oltre 150 mila le simulazioni sul costo dello strumento che consente di uscire dal lavoro in anticipo rispetto all’età di pensione attraverso un prestito con garanzia pensionistica.

Visite fiscali, il Polo unico scoraggia i furbetti del certificato: ca...