Visita fiscale: quali sono i dipendenti pubblici interessati e quali gli esclusi

L’Inps ha chiarito le novità legate al Polo Unico della visita fiscale, specificando quali sono i dipendenti pubblici interessati dalle novità ma anche quelli esclusi

Con il messaggio n. 1399 del 29 marzo scorso, l’Inps ha chiarito le novità legate al Polo Unico della visita fiscale, specificando quali sono i dipendenti pubblici interessati dalle novità ma anche quelli esclusi.

DIPENDENTI PUBBLICI INTERESSATI – Nel messaggio n. 1399/2018 l’Inps precisa che la normativa in materia di Polo Unico della visita fiscale si applica a tutte le amministrazioni dello Stato, compresi:

  • gli istituti e scuole di ogni ordine e grado e le istituzioni educative;
  • le aziende ed amministrazioni dello Stato ad ordinamento autonomo;
  • le Regioni, le Province, i Comuni, le Comunità montane e loro consorzi e associazioni;
  • le istituzioni universitarie;
  • gli Istituti autonomi case popolari;
  • le Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura e loro associazioni;
  • tutti gli enti pubblici non economici nazionali, regionali e locali;
  • le amministrazioni;
  • le aziende e gli enti del Servizio sanitario nazionale;
  • l’Aran, l’Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni (ARAN).

Per Regioni e Province si intendono anche le Regioni e Province a statuto speciale, compresa la Regione Siciliana; l’unica eccezione è costituita dalla Provincia autonoma di Trento e dagli enti e amministrazioni di pertinenza, che risultano esclusi sulla base della relativa normativa locale.

DIPENDENTI PUBBLICI ESCLUSI – Restano esclusi dal regime previsto, ma non dall’ambito di applicazione relativo alla certificazione telematica della malattia, i seguenti soggetti:

  • il personale della carriera prefettizia e della carriera diplomatica;
  • i magistrati di tutte le magistrature, ordinarie e speciali;
  • gli avvocati e procuratori dello Stato;
  • i docenti e i ricercatori universitari;
  • il personale della carriera dirigenziale penitenziaria;
  • il personale dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato;
  • i dipendenti delle Autorità indipendenti, comprese la CONSOB e la Banca d’Italia, nonché il personale delle Università non statali legalmente riconosciute.

Sono esclusi totalmente dalla normativa:

  • i dipendenti degli Organi costituzionali, degli enti pubblici economici, degli enti morali, delle aziende speciali;
  • la Provincia autonoma di Trento e i relativi altri enti ad ordinamento provinciale che, come detto, sono oggetto di specifiche norme locali;
  • il personale delle Forze armate (Esercito, Marina militare, Aeronautica militare), dei Corpi armati dello Stato (Guardia di Finanza e Carabinieri, Polizia dello Stato, Polizia Penitenziaria) e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco.

Leggi anche:
Malattia, quando il lavoratore rischia il licenziamento 
Come cambia la visita fiscale per i dipendenti della PA
Visita fiscale e malattia per infortunio sul lavoro: c’è l’obbligo di reperibilità?
Che differenza c’è tra infortunio e malattia
Malattia e visite fiscali: orari e nuove regole 2018

Visita fiscale: quali sono i dipendenti pubblici interessati e quali g...