Scuola, mobilità docenti 2021: le novità sui posti disponibili e tutte le scadenze

Mobilità docenti 2021, trasferimenti e posti disponibili: tutte le scadenze di cui tenere conto

L’ordinanza Miur pubblicata il 29 marzo 2021 ha ufficialmente avviato le procedure di mobilità del personale docente, educativo e ATA (Ausiliario, Tecnico e Amministrativo) per l’anno scolastico 2021/2022. Fatta eccezione per i docenti di religione cattolica, per i quali è disponibile un’ordinanza ad hoc, gli insegnanti hanno avuto tempo dal 29 marzo al 13 aprile 2021 per presentare richiesta.

Ma una volta ultimata la procedura, quali sono le scadenze relative alla pubblicazione degli elenchi di cui tenere conto? E quanti i posti disponibili?

Mobilità docenti 2021: scadenze e data pubblicazione esiti

Scaduti i tempi relativi alla presentazione della domanda di richiesta mobilità da parte del personale docente, educativo ed ATA a.s. 2021/22, i tempi di risposta del Miur saranno i seguenti:

  • per il personale docente che ha inviato richiesta tra il 29 marzo e il 13 aprile 2021, gli esiti della mobilità saranno pubblicati il 7 giugno 2021;
  • per il personale educativo che ha inviato la richiesta tra il 15 aprile e il 5 maggio 2021, gli esiti della mobilità saranno pubblicati l’8 giugno 2021;
  • per gli insegnanti di religione cattolica che hanno inviato la richiesta tra il 31 marzo e il 26 aprile 2021, gli esiti della mobilità saranno pubblicati il 14 giugno 2021.

Mobilità docenti 2021, trasferimenti e posti disponibili

I posti disponibili per la mobilità 2021 vengono determinati sulla base delle cattedre presenti nell’organico di un’istituzione scolastica, quando non occupate da un docente titolare. Sono, in concreto, cattedre rimaste vacanti e che risultano tali ancora a decorrere dal 1° settembre, data di inizio dell’anno scolastico, quando si iniziano a disporre i primi movimenti in entrata e in uscita.

È l’ufficio territorialmente competente che comunica i posti vacanti disponibili in una determinata provincia/regione.

In generale, l’accesso alle cattedre vacanti per l’anno scolastico per il quale si effettuano i movimenti è disposto per loro totalità (100%) per i trasferimenti provinciali. Ultimati questi, i posti vengono poi così distribuiti:

  • 50% alle immissioni in ruolo;
  • 50% ai trasferimenti interprovinciali e alla mobilità professionale sia provinciale che interprovinciale.

Nel caso in cui terminate le operazioni di mobilità territoriale interprovinciale i posti vacanti non vengano assegnati nella loro totalità, allora si procederà con la mobilità professionale, fatta salva la salvaguardia del personale in esubero sulla provincia.

I posti disponibili quindi verranno così assegnati, ad eccezione delle classi di concorso risultanti in esubero nazionale nell’a.s. 2021/22, per le quali la mobilità territoriale interprovinciale si effettua sul 100% delle disponibilità determinate al termine dei trasferimenti provinciali finché permane la suddetta situazione di esubero.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Scuola, mobilità docenti 2021: le novità sui posti disponibili e tut...