Ronaldo, operai Fiat in sciopero: “A lui i milioni, a noi calci nei c…”

Sciopero di due giorni e proteste negli stabilimenti Fiat. "Noi operai stringiamo la cinghia mentre la società spende 400 milioni per Cristiano Ronaldo"

L’affare del secolo fatto dalla Juventus con l’acquisto di Ronaldo non ha fatto felici proprio tutti. Gli operai della Fiat hanno proclamato due giorni di sciopero negli stabilimenti di Melfi a partire dalle 22 di domenica 15 luglio fino alle 6 di martedì 17, denunciando come sia “inaccettabile” chiedere “enormi sacrifici a livello economico” ai lavoratori di Fca e Cnhi e alla stesso tempo “spendere centinaia di milioni di euro per l’acquisto di un calciatore”.

“Ci viene detto che il momento è difficile – si legge nel comunicato con cui l’Unione Sindacale di Base va all’attacco dei vertici di FCA -, che bisogna ricorrere agli ammortizzatori sociali in attesa del lancio di nuovi modelli che non arrivano mai. E mentre gli operai e le loro famiglie stringono sempre più la cinghia la proprietà decide di investire su un’unica risorsa umana tantissimi soldi”.

La Usb aggiunge che ”siamo tutti dipendenti dello stesso padrone ma mai come in questo momento di enorme difficoltà sociale questa disparità di trattamento non può e non deve essere accettata”, soprattutto perché ”gli operai Fiat hanno fatto la fortuna della proprietà per almeno tre generazioni, arricchiscono chiunque si muova intorno a questa società, e in cambio hanno ricevuto sempre e soltanto una vita di miseria”.

Secondo l’organizzazione la proprietà ”dovrebbe investire in modelli auto che garantiscano il futuro di migliaia di persone piuttosto che arricchirne una soltanto, questo dovrebbe essere il fine di chi mette al primo posto gli interessi dei propri dipendenti’‘.

Leggi anche:
Assist della flat tax a Cristiano Ronaldo: ecco quanto pagherà al fisco italiano
Cristiano Ronaldo e bilancio Juve: costi certi e ricavi presunti
Affare Cristiano Ronaldo: chi è Jorge Mendes, l’agente da 12 milioni di euro

Ronaldo, operai Fiat in sciopero: “A lui i milioni, a noi calci ...