Riduzione dello stipendio ai lavoratori, ora è possibile. Ecco come

La nuova formulazione del Codice Civile in materia di demansionamento apre la strada ad accordi di riduzione della retribuzione

La riforma del lavoro detta Jobs act non solo ha cambiato il paradigma dei contratti di lavoro per i neoassunti, ma tramite i decreti attuativi finirà per impattare tangibilmente anche sui contratti in essere. Innanzitutto in virtù dei decreti su controllo a distanza dei dipendenti e demansionamento, in quest’ultimo caso con possibilità di diminuzione dello stipendio. La possibilità di tagliare lo stipendio, anche se ancora non è stata adeguatamente valutata dalla giurisprudenza, poiché non sono emerse questioni inerenti, è in realtà uno degli aspetti più rilevanti del decreto, che ha modificato il Codice Civile.

La nuova formulazione del Codice, infatti, non solo ammette il demansionamento, ma aggiunge – previo accordo tra datore e lavoratore in sede protetta – la possibilità di ridurre la retribuzione: possibilità esplicitamente vietata dalla vecchia formulazione del Codice Civile, che prevedeva la nullità di ogni patto di diminuzione della retribuzione. Formulazione fin qui sempre condivisa dai giudici, anche in presenza di accordi privati. Con l’entrata in vigore del decreto attuativo del Jobs act cambia tutto, gli accordi di diminuzione dello stipendio sono validi, anche se individuali, rispettando determinate condizioni.

Ora in sostanza, perché il patto individuale di modifica (sia delle mansioni, che della categoria, dell’inquadramento e della retribuzione) sia valido, devono essere rispettate le seguenti disposizioni:

  •  l’accordo deve essere concluso nelle sedi di conciliazione deputate (le cosiddette sedi protette: commissioni sindacali, presso la Dtl, commissioni di certificazione dei contratti…);
  • deve sussistere l’interesse del lavoratore alla conservazione dell’occupazione;
  • in alternativa, deve sussistere l’interesse del lavoratore all’acquisizione di una diversa professionalità;
  • in alternativa, deve sussistere l’interesse del lavoratore al miglioramento delle condizioni di vita.

I minimi retributivi previsti dai Contratti Collettivi, corrispondenti all’inquadramento (livello) del lavoratore, restano in ogni caso inderogabili, anche nei casi in cui non sia applicato alcun Contratto Collettivo, poiché il giudice può utilizzare tali minimali come misura di adeguatezza della remunerazione, in base alla Costituzione.

Leggi anche:
Il Jobs act in infografica
Jobs act e demansionamento: come difendersi
Social card, 400 euro al mese ai disoccupati. Ecco come
Statistico e data scientist: le professioni più richieste del XXI secolo
Partite IVA e nuovo regime dei minimi: più facile entrare
Arriva lo Statuto dei lavoratori autonomi
Malattia, visite fiscali, reperibilità: tutte le novità

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Riduzione dello stipendio ai lavoratori, ora è possibile. Ecco c...