Reddito di cittadinanza anche se si rifiuta il lavoro stagionale?

L'emendamento che proponeva l'obbligo di accettare un lavoro stagionale come condizione all'Rdc è stato respinto

No all’obbligo di accettare un lavoro stagionale per poter ricevere il Reddito di cittadinanza. La commissione Bilancio alla Camera ha infatti respinto l’emendamento al decreto Sostegni Bis firmato dalla deputata del M5s Valentina D’Orso, con l’obiettivo di porre come condizione all’ottenimento del Rdc, la disponibilità a lavorare con un contratto stagionale.

Reddito di cittadinanza anche se si rifiuta il lavoro stagionale: gli emendamenti

Dichiarate inammissibili anche le proposte simili dell’altra deputata del Movimento Marialuisa Faro e di Manuela Gagliardi, di ‘Cambiamo’, che non hanno superato l’esame in commissione insieme ad altri 700 emendamenti.

L’idea presentata dalla deputata D’Orso consisteva nel vincolo di accettazione di offerte di lavoro stagionali entro 100 km dalla propria residenza, “pena decadenza del beneficio”, sospendendo la fruizione del beneficio ma godendo di un’integrazione Inps nel caso in cui il compenso mensile sia inferiore all’importo del Rdc.

“La norma – ha spiegato la parlamentare – intende incentivare il ritorno nel mercato del lavoro dei beneficiari del Reddito che in passato erano dediti a lavori stagionali garantendo loro che questo reinserimento avvenga a condizioni economicamente vantaggiose e non svilenti

Non nascondono la delusione alcune associazioni di imprenditori che puntavano sull’accoglimento dell’emendamento per far fronte alla scarsità di personale anche in vista dell’estate.

Reddito di cittadinanza, le proposte di modifica dei partiti

Non sono state però le uniche richieste di modifica al Reddito di cittadinanza: Forza Italia ha presentato un emendamento per chiedere la decontribuzione totale per le imprese del turismo che assumono lavoratori in Cig-Covid o percettori di Rem o Rdc, mentre dal Partito democratico è arrivata la proposta di rifinanziare con 30 milioni di euro i centri per l’impiego nel 2022.

Ancora dal M5S Alessandro Amitrano aveva avanzato l’ipotesi di promuovere progetti di occupazione per i percettori del Reddito, tramite convenzioni dedicate con le partecipate pubbliche.

La Lega vorrebbe infine una riduzione dei finanziamenti al Rdc del 10% annuo, Fratelli d’Italia invece ritiene che chi percepisce il sussidio debba aderire a percorsi di formazione obbligatorio.

L’ammissione di eventuali ricorsi saranno comunicati domani, mentre i gruppi parlamentari dovrebbero avere tempo fino a giovedì per indicare gli emendamenti segnalati. Il voto in commissione è previsto la prossima settimana.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Reddito di cittadinanza anche se si rifiuta il lavoro stagionale?