Partita Iva 2020: come fare per aprirla, guida per ditte e autonomi

Quali sono gli aspetti da considerare per avviare un’attività da lavoratore autonomo o come ditta individuale, soprattutto sul fronte fiscale e contributivo

Aprire una partita Iva è il primo passo per avviare un’attività da lavoratore autonomo o come ditta individuale.

Sono diversi gli aspetti da considerare per scegliere la prima o la seconda strada, soprattutto sul fronte fiscale e contributivo. Inoltre bisogna valutare costi e adempimenti, come l’iscrizione al Registro Imprese presso le Camere di Commercio, obbligatoria per le imprese individuali (artigiani o commercianti) ma non per gli autonomi. Vediamo le procedure da seguire, come riporta il sito delle piccole e medie imprese pmi.it.

Quali sono le partite Iva

Le partite Iva intese come ditte individuali sono quelle di:

  • artigiani se viene svolta un’attività manuale o professionale in modo artigianale;
  • commercianti se l’attività viene svolta acquistando merci, poi rivendute (al dettaglio, online, etc.).

I professionisti con partita IVA che svolgono attività autonoma, quindi non soggetta a iscrizione camerale, possono invece essere iscritti in un Albo od Ordine Professionale, ma anche essere senza Ordine, come i consulenti.

Partite Iva, quali sono gli aspetti previdenziali da considerare

Le differenze a livello previdenziale tra imprenditori o autonomi riguardano, per i primi, l’iscrizione all’Inps nella Gestione Artigiani o Commercianti.
Per i professionisti iscritti all’Ordine, invece, è obbligatoria l’iscrizione alla cassa previdenziale di riferimento, mentre quelli non iscritti devono versare i contributi alla Gestione Separata Inps.

Partite Iva, quali sono gli aspetti fiscali da considerare

Sul reddito del lavoratore autonomo si paga l’IRPEF con principio di cassa: per la tassazione e le deduzioni conta il momento in cui i ricavi si incassano e i conti si pagano.
Per l’imprenditore individuale, l’IRPEF si calcola sul reddito annuale, differenza tra ricavi dell’impresa e costi di competenza, indipendentemente dal momento del pagamento, sia per le fatture che per i costi.
Per entrambi, il modello per la dichiarazione dei redditi è l’ex Unico, ossia il Modello Redditi.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Partita Iva 2020: come fare per aprirla, guida per ditte e autono...