Indennità di malattia ai lavoratori in quarantena: cosa sappiamo della proroga

Il ministro Andrea Orlando ha dichiarato di voler destinare nuove risorse per finanziare l'indennità previdenziale per i lavoratori che entrano in contatto con positivi al Covid

Non sono passate inosservate le dichiarazioni del ministro Andrea Orlando alla Festa dell’Unità di Modena. Il titolare del dicastero del Lavoro ha annunciato che il Consiglio dei Ministri si sta occupando di valutare la reintroduzione dell’indennità di malattia per tutti i lavoratori che entrano in contatto con positivi al coronavirus e devono dunque rimanere a casa in quarantena preventiva.

Indennità di malattia causa Covid: a chi spetta e fino a quando

L’Inps, con il messaggio numero 2842 del 6 agosto 2021 ha reso noto che i 663,1 milioni di euro stanziati per riconoscere l’indennità previdenziale di malattia ai lavoratori in quarantena riguardano solo il 2020. Per il 2021 il Governo non ha rifinanziato la misura e salvo nuovi decreti la tutela non può essere riconosciuta per l’anno in corso.

La quarantena rimane invece equiparata al ricovero ospedaliero per i lavoratori fragili per tutti gli eventi avvenuti fino al 30 giugno 2021. Attraverso un decreto legge, inoltre, è stato prorogato fino al 31 ottobre 2021 il diritto a svolgere l’abilità lavorativa in smart working per questa categoria di lavoratori

Bisogna specificare che queste misure riguardano, come già detto, solo la quarantena, che riguarda chi è venuto in contatto con positivi al coronavirus, e non l’isolamento domiciliare, che è invece la misura che i positivi stessi sono tenuti a rispettare. Chi ha contratto il Covid, anche in forma asintomatica, ha sempre diritto alla malattia secondo la gestione ordinaria.

Indennità di malattia ai lavoratori in quarantena verso la proroga

Il ministro Andrea Orlando ha fatto sapere di aver già segnalato nelle precedenti riunioni del Consiglio dei Ministri per lo scostamento di bilancio la necessità di destinare nuovi fondi per la proroga dell’indennità di malattia per i lavoratori in quarantena. Le risorse necessarie per il finanziamento di un provvedimento in tale senso potrebbero essere tornate disponibili adesso, a patto di trovare un’intesa tra tutti i partiti di Governo.

Da via Vittorio Veneto sarebbe dunque arrivata già una valutazione favorevole a considerare la quarantena come malattia senza gravare su lavoratori e imprese. Rimane da chiarire la posizione del Ministero dell’Economia e delle Finanze, che in concerto con le parti sociali e il resto dell’esecutivo sta passando al vaglio le proposte per la riforma degli ammortizzatori sociali e delle indennità previdenziali.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Indennità di malattia ai lavoratori in quarantena: cosa sappiamo dell...