Non solo smart working, così Google ridisegna il lavoro: ecco il “modello ibrido” che cambierà le nostre vite

Google sperimenta un nuovo modello di lavoro, per consentire ai dipendenti maggiore flessibilità, che li rende anche più produttivi. E' il futuro, per quasi tutti?

Lo chiamano approccio “ibrido”. Un po’ a casa e un po’ in ufficio. Come sarà il lavoro del futuro? Probabilmente così, per moltissime categorie di lavoratori. A fare da apripista, ancora una volta, è Google.

Lavoro in smart working o in ufficio?

Nei primi mesi della post-pandemia, il colosso Usa ha iniziato a riportare i dipendenti negli uffici in alcune regioni, prevedendo di sperimentare modi per dare loro più spazi e fondere elementi di lavoro virtuale con il lavoro in presenza. Obiettivo dichiarato è reimmaginare un luogo di lavoro più sereno e produttivo.

La società madre di Google, Alphabet, ha ora 140mila dipendenti a tempo pieno, più del doppio rispetto a 5 anni fa. La forza lavoro di Google, spiegano i dirigenti, è cresciuta così rapidamente che l’azienda si è trovata ad ammassare persone negli uffici. Tanto che diversi dipendenti hanno affermato di avere difficoltà a concentrarsi in ufficio perché c’erano troppe persone. Non solo: alcuni campus erano così estesi che le persone impiegavano molto tempo per spostarsi da un edificio all’altro.

Già prima della pandemia, Google aveva iniziato a credere che il suo attuale ambiente di lavoro fosse da superare. Nei luoghi in cui Google ha riportato i dipendenti in ufficio a titolo volontario, quasi il 60% dei Googler ha scelto di rientrare in presenza. Ma il lavoro in ufficio non ha funzionato per tutti, anzi non ha funzionato per molti.

Google rivoluziona il modello di lavoro

La pandemia ha impresso la svolta (qui i dati), ma di un trend già in atto. Ad alcuni dipendenti piaceva lavorare lontano dall’ufficio, o ne apprezzavano alcuni aspetti, e non erano disposti a tornare in un ufficio a tempo pieno. Google ha dichiarato esplicitamente di essere rimasta molto colpita dalla produttività dei suoi lavoratori durante il lockdown. Tuttavia, uno svantaggio rilevato dai dirigenti di Google è stata la mancanza di creatività e collaborazione e la difficoltà di stabilire cultura e fiducia sul posto di lavoro, quando le persone non erano insieme di persona.

Google vuole fornire maggiore sicurezza scaglionando la frequenza con cui le persone vanno in ufficio e riducendo la densità nei suoi uffici. Questo per ridurre la potenziale diffusione del Covid-19 e dei virus influenzali annuali o potenziali pandemie future.

Cambiano gli spazi, si ridisegnano con nuovi model design, che rivoluzionano i paradigmi cui eravamo abituati. Google applicherà quelli che ora sono progetti pilota al 10% del suo spazio di lavoro globale.

Il costo di questa maxi rivoluzione culturale, ed economica? Miliardi di dollari. E dunque non accessibile alla maggior parte delle aziende che non siano Google. Ma il fatto che sia stata avviata questa rivoluzione, fa sì che i nuovi paradigmi si diffondano, e prendano piede, sostituendosi ai vecchi modelli rigidi e anacronistici per i tempi che viviamo.

Come cambiano gli spazi, i luoghi e i tempi di lavoro

Da oltre 20 anni, “i dipendenti vengono in ufficio per risolvere problemi in un bar, attorno a una lavagna o durante una partita di beach volley o cricket” ha detto Sundar Pichai, CEO di Google e di Alphabet. I campus sono sempre stati al centro della community di Google e la maggior parte dei dipendenti desidera tornarci, per un po’. Ma molti vorrebbero anche poter godere della flessibilità di lavorare da casa un paio di giorni alla settimana, trascorrere del tempo in un’altra città per una parte dell’anno o addirittura trasferirsi lì in modo permanente.

Ora Google sta testando nuovi uffici multiuso e spazi di lavoro privati e sta lavorando con i team per sviluppare una tecnologia video avanzata che crei una maggiore equità tra i dipendenti in ufficio e quelli che si uniscono virtualmente. Il futuro posto di lavoro di Google avrà spazio per tutte queste possibilità.

Google, come cambia l’ufficio

Ad esempio, gli spazi di lavoro possono essere configurati in base alle esigenze di un particolare team o progetto. Google sta già sperimentando sistemi di riscaldamento e raffreddamento personali sotto le scrivanie e gli spazi per riunioni all’aperto stile campeggio.

Google, come cambia la settimana di lavoro

Prima di tutto, la settimana lavorativa di Google sarà più flessibile: il colosso del web passerà a una settimana lavorativa ibrida in cui la maggior parte dei Googler trascorre circa 3 giorni in ufficio e 2 giorni dove lavora meglio. Poiché il tempo in ufficio sarà incentrato sulla collaborazione e diviso per aree di prodotto, si deciderà in quali giorni i team si riuniranno in ufficio. Ci saranno però anche ruoli che potrebbero dover essere in loco più di 3 giorni alla settimana a causa della natura del lavoro.

Google, come cambiano le sedi di lavoro

Non solo: Google avrà a disposizione una scelta più ampia su dove lavorare. Più sedi a livello globale, dunque: Google sta investendo in molte grandi comunità a livello globale, il che crea maggiori opportunità per i dipendenti di muoversi nel corso della loro carriera.

È già attivo un iter attraverso il quale i dipendenti possono richiedere di trasferirsi in un’altra sede. Nel concedere le approvazioni, si prenderà in considerazione se gli obiettivi aziendali possono essere raggiunti nella nuova sede e se il team ha l’infrastruttura giusta nel sito per supportare il lavoro di quella persona.

Google, come cambia lo smart working

Lavoro a distanza: viene offerta anche l’opportunità di fare domanda per un lavoro completamente remoto, lontano dal team o dall’ufficio, in base al proprio ruolo e alle esigenze del team. Come per i trasferimenti di posizione, i lead valuteranno se il lavoro a distanza può supportare gli obiettivi del team e dell’azienda. Sia che si scelga di trasferirsi in un altro ufficio sia che si opti per un lavoro completamente remoto, il compenso sarà adeguato in base alla nuova posizione.

Nel loro insieme, questi cambiamenti si tradurranno in una forza lavoro in cui circa il 60% dei Googler si riunisce in ufficio alcuni giorni alla settimana, un altro 20% lavora in nuove sedi e il 20% lavora da casa.

Google, come cambia la flessibilità

Più flessibilità per la propria vita, anche. Settimane di lavoro da qualsiasi luogo: in futuro, i Googler potranno lavorare temporaneamente da un luogo diverso dalla loro sede principale per un massimo di 4 settimane l’anno. L’obiettivo qui è quello di offrire a tutti una maggiore flessibilità durante i viaggi estivi e di vacanza.

Focus time: le aree e le funzioni del prodotto offriranno anche orari di focus, quindi limitando le riunioni interne durante i periodi in cui le persone devono essere a capo dei progetti.

Giorni di riposo: Google continuerà ad offrire giorni di riposo extra per aiutare i dipendenti a ricaricarsi durante la pandemia nel 2021. L’ultimo giorno libero globale è stato venerdì 28 maggio.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Non solo smart working, così Google ridisegna il lavoro: ecco il &#82...