Lavoro, Camusso: boom voucher? Sono la forma peggiore di precarietà

La segretaria Cgil: "Governo parla più di licenziamenti che di diritti"

“E’ stata inventata una nuova forma di precarietà, quella dei voucher che è, se possibile, peggio di quelle precedenti. La sua diffusione in assenza di controlli e senza la volontà di cancellare una norma così sbagliata dimostra che in realtà si è fatta molta propaganda sulla stabilizzazione ma non si è determinata la sostanza”. Lo ha detto la segretaria della Cgil, Susanna Camusso, commentando il boom del ricorso ai voucher a margine di un’assemblea sindacale a Genova.

Secondo Camusso, “bisognerebbe concentrare l’attenzione sul fatto che la strada dell‘esplosione dei voucher è anche una strada di sommersione del lavoro. Come altre volte nella storia recente del Paese – ha sottolineato la leader della Cgil – siamo di fronte a riforme del mercato del lavoro che sono state presentate come la migliore soluzione per i lavoratori ma in realtà continuano solo a ridurre i diritti e non determinano un nuovo modello di sviluppo, anzi la crisi continua ad esserci“.

“Son più le volte in cui il governo dichiara la necessità di licenziare che quelle in cui si è mosso per determinare delle condizioni migliori di lavoro”, ha concluso Camusso.

Fonte: AskaNews

Leggi anche:
Il voucher per trovare lavoro, ecco come funziona

Voucher lavoro INPS, un buono per tutti i lavori occasionali. Come funzionano
Il lavoro accessorio e il sistema dei voucher

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Lavoro, Camusso: boom voucher? Sono la forma peggiore di precarietà