Lavoratori stagionali, nuovo bonus nel Sostegni bis: requisiti e importi

Come richiedere l'assegno, i termini per la domanda e quando arriverà l'importo

Le misure di contenimento anti contagio contro la diffusione del Covid hanno colpito più duramente alcune categorie di lavoratori rispetto ad altre. Operatori turistici, degli stabilimenti termali, addetti alle vendite porta a porta, lavoratori dello spettacolo sono solo alcune delle figure professionali messe in ginocchio dalla crisi economica innescata dalla pandemia. Il governo sta cercando di venire in aiuto, con il già approvato (in data 23 marzo) decreto Sostegni, e un più recente decreto Sostegni Bis (qui tutte le ultime sui contenuti dell’attesissima misura).

Per quanto riguarda le tipologie di lavoratori di cui sopra, il decreto Sostegni ha già previsto l’erogazione di un’indennità una tantum. A quanto ammonta l’assegno?

Quanto vale il bonus Inps per i lavoratori stagionali e a chi è rivolto

Si tratta di 2400 euro di bonus Inps destinati ai lavoratori stagionali e non solo, da erogare una tantum previo presentazione della domanda. Come già sottolineato in apertura all’articolo, i beneficiari comprendono i lavoratori dei settori del turismo e degli stabilimenti termali, sia stagionali che in somministrazione e dipendenti. Per gli stagionali il governo guarda anche al di fuori della platea dei servizi legati al turismo. E a questi si aggiungono gli autonomi occasionali, quelli dello spettacolo e quelli incaricati delle vendite a domicilio.

Va sottolineato che l’importo non è cumulabile con gli importi citati articoli 15 e 15-bis del decreto-legge n. 137 del 2020, mentre è addizionabile all’assegno di invalidità. Inoltre non concorre alla formazione del reddito.

Come richiedere il bonus Inps, quando scadono i termini per la domanda, quando arriva l’importo

Per beneficiare dell’assegno bisognerà fare domanda all’Inps entro una scadenza temporale inizialmente fissata al 31 aprile 2021 (qui altri dettagli) ma successivamente prorogata al 31 maggio 2021. La richiesta non va presentata nel caso dei lavoratori che hanno già fruito delle indennità di cui agli articoli 15 e 15-bis del decreto legge n. 137 del 2020. A tutti gli altri restano invece pochi giorni per ottenere il bonus una tantum, in vista del quale sarebbe quindi consigliabile rivolgersi al supporto di un CAF o patronato.

I 2400 euro previsti dal decreto Sostegni saranno girati ai lavoratori che ne hanno fatto richiesta entro metà giugno 2021.

Ulteriori informazioni, riguardanti l’assegno, a chi è rivolto, come funziona e come presentare la domanda sono disponibili sul sito dell’Inps, a questa pagina.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Lavoratori stagionali, nuovo bonus nel Sostegni bis: requisiti e impor...