Cerchi lavoro? Ecco come si scrive un buon curriculum

Un curriculum efficace e completo può fare la differenza agli occhi di un recruiter: ecco come scriverlo

Cercare un lavoro non sempre è sinonimo di semplicità, tuttavia presentando un buon curriculum si hanno maggiori probabilità di essere contattati per un colloquio e magari di essere selezionati per la posizione lavorativa che ci interessa.

L’invio di un cv può essere funzionale alla ricerca di un impiego (anche il primo), oppure a cambiare quello attuale a fronte di nuove e più stimolanti opportunità.

Il curriculum è sempre stato il mezzo principale tramite il quale il candidato presenta se stesso e le proprie competenze: compito per niente facile, perché in poche pagine bisogna conquistare la curiosità del recruiter portandolo a effettuare un primo contatto telefonico. Dunque, prima ancora di trovarsi faccia a faccia con il possibile nuovo datore di lavoro, è necessario presentarsi al meglio e in maniera efficace.

Per farlo, puoi avvalerti del cv (curriculum vitae), che riassume:

  • gli studi effettuati;
  • i lavori svolti;
  • le competenze in possesso;
  • le attitudini personali.

Un cv che si rispetti non può essere privo dei dati personali (nome, cognome, luogo di residenza, data di nascita) e dei contatti (mail, numero di telefono). L’addetto alle risorse umane però, vuole sapere se per quella specifica posizione, tu sei il candidato ideale e per questo è bene inserire tutte le informazioni utili riguardo gli studi compiuti. In questa sezione, dovrai indicare diploma di maturità, laurea, master, dottorati ed eventuali corsi o specializzazioni conseguite, correlate dal voto ottenuto.

Il prossimo step è importante, soprattutto per chi ha già svolto attività lavorative e riguarda la stesura di una sezione in cui si elencano i precedenti impieghi. In questo caso, sarà opportuno inserire i riferimenti del datore di lavoro, la durata dell’impiego e la mansione svolta.

Competenze linguistiche e tecniche sono particolarmente apprezzate dai recruiter e per questo il consiglio è di elencare le lingue conosciute e il grado di padronanza scritto e orale. Allo stesso modo, specificare il livello di conoscenza di strumenti informatici, o programmi specifici come quelli di fotomontaggio o di editing, possono costituire una carta vincente permettendoti di entrare nella rosa dei possibili candidati.

Chi si occupa di risorse umane, sa quanto sia determinante comprendere dal profilo del candidato elementi che riguardano anche la personalità dell’individuo. Come fare per comunicarli? Anche in questo caso il cv corre in tuo aiuto e con la semplice aggiunta di una foto profilo e di informazioni legate alle tue attitudini professionali, ai tuoi obiettivi di carriera, alle passioni e ai tuoi interessi, puoi dare un quadro più completo e specifico di te allo selezionatore.

Il curriculum può essere corredato anche da una breve presentazione video in cui racconti in 1-3 minuti tutto quello che hai già scritto nel cv. Si tratta di un videocurriculum e fornisce al recruiter qualcosa in più di te: ha già un primo approccio visivo della tua persona e per questo non dimenticare di:

  • curare l’abbigliamento e il linguaggio
  • mantenere sempre lo sguardo rivolto verso la videocamera
  • fare i ringraziamenti finali.

A questo punto non ti resta che inviarlo e in bocca al lupo!

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cerchi lavoro? Ecco come si scrive un buon curriculum