Covid, lavoratori pagati per autoisolarsi: l’esperimento di Johnson in GB

Le persone a basso reddito che non possono lavorare da casa potranno richiedere fino a 182 sterline (203 euro) per autoisolarsi in caso di positività al Coronavirus

Una proposta fuori dagli schemi, che sembra piacere a molti, arriva dal Regno Unito. Il Governo britannico guidato da Boris Johnson ha deciso di pagare i lavoratori a basso reddito che sono in isolamento per via del Covid. L’annuncio è arrivato dal segretario alla sanità Matt Hancock. Ma cerchiamo di capire bene di cosa si tratta.

La logica è semplice, e risponde al buon senso: le persone “non perdono se fanno la cosa giusta”, cioè si autoisolano e restano a casa, anche se questo significa non poter lavorare. Come fanno però a vivere? Con l’aiuto dello Stato. In diverse parti dell’Inghilterra in cui ci sono alti tassi di contagi da Coronavirus i lavoratori a basso reddito possono ora richiedere fino a 182 sterline (203 euro circa) se saranno tenuti ad autoisolarsi.

Come funziona il modello GB

Il nuovo aiuto non ridurrà gli altri vantaggi che i lavoratori già ricevono. Ecco come funziona:

  • 130 sterline (145 euro circa) se un individuo è risultato positivo al Coronavirus e deve autoisolarsi per 10 giorni (dal momento in cui ha sviluppato i primi sintomi)
  • 182 sterline (203 circa) se un membro della famiglia di una persona è risultato positivo al Coronavirus e gli viene chiesto di autoisolarsi per 14 giorni (dal momento in cui il membro della famiglia ha sviluppato i primi sintomi)
  • 13 sterline al giorno (14,50 euro), fino a un massimo di 182 (203 euro circa) se un individuo viene identificato come contatto non familiare di un’altra persona che è risultata positiva al Covid e gli viene chiesto di autoisolarsi fino a 14 giorni dopo il contatto con la persona risultata positiva.

I requisiti

Per poter beneficiare del finanziamento, le persone devono:

  • essere risultate positive al Covid o aver ricevuto una notifica dal sistema di tracciamento NHS Test and Trace chiedendo loro di autoisolarsi
  • aver accettato di conformarsi alla notifica dell’NHS Test and Trace e fornito i dettagli di contatto all’autorità locale
  • essere lavoratori subordinati o autonomi
  • dimostrare di avere un impiego:
    – dare prova del reddito
    – dimostrare che la loro attività fornisce servizi che l’autorità locale ritiene ragionevole non poter essere svolta da casa senza contatto sociale
  • non essere in grado di lavorare da casa (verranno effettuati controlli su tutti i candidati) e di conseguenza avere un vero rischio di perdere reddito
  • ricevere il cosiddetto credito universale o credito d’imposta sul lavoro.

La situazione dei contagi Covid in Gran Bretagna

Mentre si vocifera che il primo ministro Boris Johnson, finito in terapia intensiva per il Covid e poi guarito, possa lasciare il suo incarico a breve, la decisione del Governo è arrivata dopo la morte di altre 12 persone nel Regno Unito per Coronavirus, che hanno portato il numero totale di decessi correlati al virus a 41.477.

Il numero complessivo di persone risultate positive al test ora in Inghilterra è 330.368. I dati più recenti relativi alla settimana fino al 19 agosto suggeriscono che il 72% delle persone risultate positive al Covid è stato raggiunto dal sistema di tracciamento NHS Test and Trace. Queste persone hanno fornito i dettagli di oltre 24mila contatti stretti e il 75% di questi è stato raggiunto.

I dati hanno anche mostrato che i tempi di risposta per i test sul Coronavirus sono aumentati, con l’attesa media dei risultati ora superiore alle 24 ore per quelli effettuati presso unità mobili e laboratori. Il governo ha spiegato che il numero crescente di test effettuati ha generato un rallentamento, e sta lavorando duramente per recuperare.

La situazione economica

Secondo i dati pubblicati all’inizio di questo mese, quasi 5,5 milioni di persone in tutto il Regno Unito stanno chiedendo aiuti e agevolazioni economiche, con un aumento dell’81% rispetto a marzo. Mentre il Governo annuncia che è “pronto a salvare” le aziende strategiche, il Paese è ufficialmente in “recessione tecnica” a causa del Covid.

Il “bonus” sarà sperimentato prima in alcune parti dell’Inghilterra nord-occidentale più colpite: Blackburn, Darwen, Pendle e Oldham, dove sono anche state adottate misure di blocco più severe dopo un aumento dei casi. Se il modello funzionerà, sarà “rapidamente” esteso ad altre aree in cui ci registrano molti casi di Covid, ha detto il Dipartimento della Salute.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Covid, lavoratori pagati per autoisolarsi: l’esperimento di John...