Cassa integrazione, cambia il procedimento col decreto maggio: le novità

Cig e Decreto maggio, tutte le novità in arrivo per fronteggiare l'emergenza Coronavirus

Che il Governo avesse intenzione di prorogare la cassa integrazione così come approvata dal decreto Cura Italia già si sapeva. Le novità in arrivo con il decreto maggio, però, potrebbero cambiare il procedimento della richiesta cig e del suo riconoscimento. Ad annunciarlo è stato il Premier Giuseppe Conte in persona, parlando di semplificazione e di un procedimento più celere.

Cassa integrazione ai tempi del Coronavirus: ritardi e disguidi a danni di lavoratori e imprenditori

Imprenditori e lavoratori costretti a fermarsi a causa dell’emergenza Coronavirus hanno dovuto fare i conti con non pochi problemi in queste settimane. Non bastava il calo delle entrate, la sospensione delle attività e i redditi a rischio, perché una volta che il Governo ha approvato la cig per fronteggiare tutti i disagi causati dal lockdown, ci si è messa la burocrazia a creare ulteriori danni.

Non tutti, infatti, hanno ricevuto il sostegno spettante dal riconoscimenti della cassa integrazione e, a distanza di settimane dall’approvazione del decreto Cura Italia, diversi sono i ritardi e i disguidi legati all’erogazione della cig. Colpa delle regioni, è stato spiegato dall’Inps, che non hanno inoltrato le richieste in tempo (e in molti casi non le hanno nemmeno inviate).

Onde evitare che una situazione del genere si ripeta, posto che è chiaro che dovremmo ancora convivere con il virus a lungo, il Governo ha deciso di ricorrere ai ripari, cambiando il procedimento con l’approvazione del decreto maggio.

Cassa integrazione: le novità del decreto maggio

Doveva arrivare ad aprile, poi è slittato ai primi di maggio, ma siamo quasi a metà del mese e del decreto Rilancio (così è stato ribattezzato) ancora nessuna traccia.

Per quanto riguarda i lavoratori in cassa integrazione, tuttavia, chiare sembrano le strade che l’Esecutivo ha intenzione di seguire con l’approvazione delle prossime misure. Il Primo Ministro ha infatti annunciato una semplificazione della procedura cig, rendendola più snella e quindi semplice.

“Il governo vuole vincere la sfida della semplificazione amministrativa e della riduzione degli adempimenti burocratici. Per questo, già nel prossimo decreto legge di sostegno all’economia, introdurremo un meccanismo semplificato di erogazione della cassa integrazione in deroga, fondamentale per ampie categorie di lavoratori”.

Queste le parole di Giuseppe Conte che, a Repubblica, ha confermato poi l’intenzione di voler procedere con un “taglio della burocrazia”, con una riforma ad hoc che tenga conto di tutte le problematiche emerse e sia in grado di superarle.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cassa integrazione, cambia il procedimento col decreto maggio: le novi...