Un anno ben speso: scopriamo cos’è il Servizio Civile

Il Servizio Civile Nazionale è un'opportunità di crescita con la quale è possibile partecipare per dodici mesi a progetti sia in Italia che all'estero. Vediamo nei dettagli come funziona.

Il Servizio Civile Nazionale (SNC) è un programma governativo rivolto ai giovani che intendono vivere un’esperienza di cittadinanza attiva della durata di un anno svolgendo delle attività socialmente utili. Le aree di intervento sono numerose e possono includere l’assistenza ad anziani, a persone svantaggiate e con disabilità; la promozione culturale, all’interno di musei, biblioteche, scuole; l’animazione sociale presso centri giovanili; e la protezione ambientale, in collaborazione con organizzazioni ambientaliste.

Si tratta di un’esperienza altamente qualificante, sia sul piano della crescita personale, che nell’ambito professionale, in quanto si acquisiscono competenze successivamente spendibili nel mondo del lavoro. Vediamo ora più da vicino come funziona, cosa occorre fare per candidarsi e quanto si viene retribuiti, a seconda della tipologia del progetto (in Italia o all’estero).

Per candidarsi al Servizio Civile Nazionale occorre aver compiuto almeno 18 anni e non aver superato il 28mo anno di età al momento della presentazione della domanda di partecipazione. I bandi vengono pubblicati periodicamente nel sito internet ufficiale del SNC e consentono di scegliere tra attività da svolgere nel territorio nazionale e allestero. Sempre sul web, i candidati potranno trovare i dettagli circa ogni progetto e, una volta scelto quello più idoneo, potranno compilare il modulo ed inviarlo direttamente all’ente ospitante.

In caso di selezione, i giovani inizieranno l’attività con un percorso di formazione generale, seguito da un training più specifico finalizzato al loro inserimento nel progetto. Nel corso dell’anno verranno organizzati dei momenti di valutazione per monitorare l’andamento delle attività ed inoltre i ragazzi saranno coinvolti in iniziative promozionali del SNC.

Relativamente al trattamento economico, chi svolge il Servizio Civile in Italia percepisce giornalmente 14,80 euro, pari a 433,80 euro mensili. Tale somma viene versata dall’USCN (l’Ufficio del Servizio Civile Nazionale) ogni 30 giorni sul conto corrente dei volontari. Il vitto e l’alloggio per i volontari fuori sede può essere coperto solo a spese dall’ente ospitante, quindi non tutti i progetti dispongono di questa opzione.

Diversa è invece la retribuzione per chi è impegnato in progetti del SCN all’estero: oltre alla quota di 443,80 euro mensili, si ricevono 15 euro giornalieri. I costi del vitto, l’alloggio, le eventuali vaccinazioni e le spese di viaggio andata e ritorno sono coperti dal progetto.

Immagini: Depositphotos

Un anno ben speso: scopriamo cos’è il Servizio Civile