Tredicesima: tutto ciò che c’è da sapere

Dicembre, tempo di tredicesima mensilità

La tredicesima mensilità è uno stipendio aggiuntivo che viene pagato dal datore di lavoro entro il mese di dicembre. Non corrisponde all’importo di uno stipendio pieno, ma è una percentuale della consueta retribuzione mensile. Sebbene sia possibile effettuare il calcolo della tredicesima sul sito dell’INPS lo strumento non è di immediato utilizzo per i non addetti ai lavori. Se volete determinare l’importo esatto della vostra tredicesima potete anche effettuare il calcolo da soli, conoscendo i fattori da prendere in considerazione.

La tredicesima mensilità è pari a 1/12 della retribuzione annuale lorda e si calcola in base ai mesi in cui il dipendente ha lavorato. Occorre quindi moltiplicare il numero dei mesi di lavoro per la retribuzione lorda mensile e dividere l’importo così ottenuto per il totale delle mensilità (12). Per un lavoratore assunto il 1° aprile, con uno stipendio lordo di 1000€ al mese, la tredicesima corrisponderà a (9 x 1000)/12 = 750€.

La tredicesima matura tutto l’anno, anche quando il dipendente non sta svolgendo il proprio lavoro (per ferie, malattia, maternità, ecc.), esattamente al pari delle altre mensilità. Restano invece esclusi dal calcolo della tredicesima il lavoro straordinario, l’indennità per ferie non godute e i periodi di aspettativa. La tredicesima viene però conteggiata nel TFR.

Avere a portata di mano una busta paga vi aiuterà non solo a determinare la retribuzione lorda mensile, ma anche gli altri elementi che concorrono al conteggio. Nello specifico, vanno considerate eventuali indennità di contingenza o per la mansione svolta, scatti di anzianità, terzi elementi, EDR (Elemento Distinto della Retribuzione) e trattamento di vacanza contrattuale.

Occorre infine conoscere quali importi vadano sottratti per ottenere l’importo finale. In particolare, vanno detratte dal calcolo le ritenute fiscali, conteggiate in base alle aliquote del mese, eventuali contributi sociali (ad esempio, gli apprendisti devono versare un contributo sociale pari al 5,54% dello stipendio) e l’anticipo di ratei versati per l’Inail.

Leggi anche:
Tredicesima a rischio per molti lavoratori. Ecco chi non la riceverà
Busta paga: come leggerla

Tredicesima: tutto ciò che c’è da sapere