Statali, aumenti a tempo. Dal 2019 rischio busta paga più bassa

Niente aumenti in busta paga per i dipendenti statali con gli stipendi più bassi

Con i rinnovi contrattuali dopo 8 anni di blocco, a marzo gli statali hanno ricevuto gli arretrati una tantum da 370 a 712 euro e gli aumenti nel cedolino per chi lavora nei ministeri o negli enti pubblici non economici. Per gli altri settori gli aumenti dovrebbero vedersi nelle buste paga di aprile.

Ma si tratta di “aumenti ad elastico”: vale a dire, come riporta il Sole24Ore, che dal 2019 i lavoratori (e solo quelli con gli stipendi più bassi) potrebbero perdere circa 30 euro in busta paga.

Cosa è successo? Prima delle elezioni il ministro della Pubblica Amministrazione, Marianna Madia, aveva annunciato incrementi medi fino a 85 euro mensili. Ma quella quota, si è scoperto poi, avrebbe garantito l’aumento solo ai ministeriali, che hanno buste paga mediamente più pesanti. Mentre per i restanti si tratterebbe di ritocchi “temporanei” attraverso il cosidetto “elemento perequativo”, ovvero degli aumenti a scadenza prevista il 31 dicembre 2018.
Di lì la decisione di ricorrere a incrementi temporanei. Destinati a sparire nel 2019, a meno che non si trovino le risorse per stabilizzarli.

Duro il commento dell’Unione sindacale di base, secondo cui questi aumenti sarebbero “una trappola” che non considera “l’indennità di buonuscita o di anzianità, del trattamento di fine rapporto, dell’indennità sostitutiva del preavviso, né dell’indennità in caso di decesso”. Questi aumenti, secondo USB, rappresentano “oltre a un’inaccettabile presa in giro, la più clamorosa negazione della certezza del salario e del valore dello stesso Ccnl”.

Leggi anche:
Nuovo contratto statali, in arrivo arretrati tra 370 e 712 euro
Statali: busta paga con arretrati e aumenti in arrivo
Militari e forze dell’ordine: ecco gli aumenti 
Lavoratori statali sotto stress: l’allarme della Ue

Statali, aumenti a tempo. Dal 2019 rischio busta paga più bassa