Startup in Piemonte: tutti gli incentivi pubblici

Startup in Piemonte: agevolazioni fiscali e finanziamenti messi a disposizione delle nuove imprese innovative per trasformare la regione nella Silicon Valley europea

Il numero delle startup in Piemonte aumenta vistosamente di anno in anno, a dimostrazione che il futuro della regione è caratterizzato dall’innovazione e dalla ricerca. Generalmente, però, le startup presentano una grande criticità al momento della loro creazione: la mancanza di fondi necessari per poter proseguire nell’evoluzione del proprio business. Motivo per cui i finanziamenti erogati da numerosi enti, sia privati che pubblici, come la Regione Piemonte, diventano di vitale importanza per il sostegno finanziario di queste ultime.

Analizzando più nello specifico i finanziamenti messi a disposizione delle startup in Piemonte, la Regione ha stanziato circa otto milioni e mezzo di fondi per il periodo compreso tra il 2014 e il 2020. Di questi, 2 milioni si prevede che saranno assegnati durante il biennio 2015-2016. È, quindi, chiaro come con l’assegnazione di questi fondi si stia fortemente puntando alla creazione di nuove imprese innovative nei settori che richiedono un maggior livello di conoscenza ed intensità: manifatturiero, digitale, turismo e molti altri.

Per le startup in Piemonte, sicuramente, gli incubatori universitari rappresentano un valido sostegno in grado di poter aiutare l’azienda innovativa nel suo percorso di crescita. Proseguendo in quest’ottica, gli enti universitari si sono posti l’obiettivo di convalidare 174 business plan e costituire 132 nuove imprese. Inoltre, il target d’età entro il quale è possibile presentare un progetto d’azienda si è allargato vistosamente: non più solo i ricercatori universitari, anche soggetti con età inferiore ai 40 anni, che possiedono un diploma di scuola superiore, sia lavoratori che disoccupati. Insomma, la Regione ha avuto un ruolo fondamentale nel percorso per la creazione di startup innovative utili alla ricerca pubblica e sembra voler proseguire con questa logica d’innovazione.

Già in passato, grazie al fondo sociale europeo ottenuto, di ammontare pari a quasi sei milioni e mezzo per il periodo compreso tra il 2007 e il 2013, sono stati conseguiti risultati convincenti: 361 idee d’impresa accolte, 138 percorsi di accompagnamento imprenditoriale e 76 nuove imprese costituite, per un numero di nuovi posti lavorativi creati pari a 264 in maniera diretta e 187 indirettamente.
Infine, proprio ad ottobre, è stato presentano un disegno di legge per poter aiutare ancor più le imprese innovative che nascono sul suolo della regione, in modo tale da rendere, utopisticamente, il Piemonte la “Silicon Valley europea“, secondo quanto affermato dal primo firmatario Raffaele Gallo.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Startup in Piemonte: tutti gli incentivi pubblici