Startup: il bando riservato agli over 40 per agricoltura, sostenibilità e territorio

Chi l'ha detto che il mondo delle start-up e dell'innovazione debba essere appannaggio dei più giovani

Chi l’ha detto che il mondo delle start-up e dell’innovazione debba essere appannaggio dei più giovani? Anche gli over 40 possono avere le idee giuste per innovare il business.

Bayer ha promosso Startup4Life, un progetto rivolto a chi è entrato negli “anta”. Si cercano idee e proposte per promuovere la creazione di nuove imprese nei settori dell’alimentazione, dell’agricoltura sostenibile e della tutela del territorio.

“È la prima volta che un progetto di Start Up si rivolge al mercato over 40, un mercato in evoluzione e crescita, fatto di persone con esperienza che hanno idee e competenze e vogliono reinventarsi e ricominciare”, spiegano gli organizzatori.

Il concetto di fondo è che il talento non ha età e per questo anche chi non ha più vent’anni deve trovare sostegno per le proprie idee, se sono valide.

“Cerchiamo progetti di StartUp volti a promuovere la creazione di nuova impresa nel settore dell’alimentazione e dell’agricoltura sostenibile, favorendo lo sviluppo delle idee e valorizzando l’esperienza, risorsa fondamentale per la nascita, la crescita e il consolidamento di un idea imprenditoriale. Riprenditi la possibilità di rimetterti in gioco, siamo qui per darti una mano!”

Startup4Life si rivolge a chi ha superato i 40 anni e prevede il supporto in comunicazione per il primo anno di attività, un percorso di affiancamento mirato e la possibilità di entrare in contatto con grandi aziende. I progetti potranno essere inviati nell’apposita area di startup4life.it a partire dal 1 maggio 2016.

Possono partecipare all’iniziativa gruppi di persone o persone singole che abbiano un’idea imprenditoriale da realizzare (in caso di gruppi con più persone il requisito dell’età minima deve essere rispettato dal primo firmatario “referente del progetto”.

Ecco gli ambiti in cui è possibile presentare progetti:

  • Crop Science
  • Agroalimentare
  • Tutela dell’ambiente e del territorio

Questi sono gli obiettivi che devono perseguire le diverse proposte:

  • Tutela, valorizzazione e promozione del territorio
  • Tutela e promozione della salute e/o della sicurezza alimentare
  • Sviluppo di innovazione tecnologica, organizzativa e sociale attraverso l’Information and
    Communication Technology (ICT)

Chi volesse partecipare deve fissare bene queste date sul calendario:

  • L’apertura del sistema web di “accettazione” delle domande di partecipazione e dei relativi progetti presentanti, che sarà possibile dal 2 maggio al 31 luglio 2016.
  • La valutazione dei progetti da parte del Comitato scientifico e una eventuale fase di confronto con i progetti più interessanti per concludere l’esame delle proposte ricevute e giungere a una decisione entro il 15 settembre 2016.

A giudicare le proposte ci sarà un comitato scientifico di valutazione nel quale saranno presenti istituzioni, sponsor e promotori. Ecco i criteri che saranno presi in esame per la selezione dei progetti:

  1. Valore dell’idea: qualità della proposta e beneficio per la collettività in termini economici e sociali.
  2. Contributo innovativo: originalità della proposta rispetto al territorio di riferimento e al mercato.
  3. Qualità del team: esperienze personali e professionali e competenze specifiche coerenti con la proposta, nonché motivazione dei proponenti a intraprendere il percorso imprenditoriale.
  4. Creazione di nuovo lavoro: capacità dell’iniziativa di produrre nuovi posti di lavoro, anche nella prospettiva di medio/lungo periodo.
  5. Coerenza rispetto agli ambiti indicati: validità della proposta in relazione ai temi della tutela e valorizzazione del territorio, promozione e tutela della salute e sicurezza alimentare, dei servizi alle imprese.

E, per i giovani (in questo caso fino a 40 anni) che vogliono puntare sull’agricoltura, c’è il bando dell’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare. È possibile ottenere fino a 70mila euro di agevolazioni.

Fonte: Ecoseven.net

Leggi anche:
“Europe in My Region”, la campagna per scoprire i progetti finanziati dall’UE
Agevolazioni fino a 70mila euro per l’insediamento di giovani in agricoltura
Cambiare vita? Apri un agriturismo! Ecco come fare
L’agriturismo piace. Uno su tre è gestito da donne
Donne sempre più protagoniste in agricoltura: +76% in un anno
Ostelli e ristoranti nelle case cantoniere, via libera alla riqualificazione
Mollo tutto e apro un B&B in un faro. Ecco come partecipare al bando

Startup: il bando riservato agli over 40 per agricoltura, sostenibilit...