Scuola, Renzi chiede un parere sulla riforma. Il sindacato: “Tutto da cambiare”

(Teleborsa) – Una nuova iniziativa sulla scuola? La proposta arriva dall’ex premier, Matteo Renzi, che chiede a tutti di indicare un punto positivo e uno negativo tra quelli dell’ultima riforma scolastica, perché ritiene che “il merito, l’alternanza scuola lavoro, la fine del precariato, il potenziamento degli insegnanti, la formazione, l’edilizia scolastica, il diritto allo studio, lo ZeroSei sul modello di Reggio Emilia siano molto importanti’.

Replica il giovane sindacato della scuola Anief, affermando che “non ci sono punti positivi o negativi, è tutto da cambiare”.
Il suo leader Marcello Pacifico smonta punto per punto la proposta, sottolineando che “sbagliare è umano, perseverare non è ammesso!. “Sul merito, non abbiamo ottenuto alcun risultato”, ha detto il sindacalista, indicando che vi sono stati “incrementi ridicoli per pochi docenti, mentre gli stipendi base rimangono fermi a dieci anni fa”.

“Sull’alternanza scuola-lavoro – ha proseguito – continuiamo a chiedere perché bisogna mandare i ragazzi allo sbaraglio, senza regole sui diritti-doveri. Intanto, il precariato è aumentato, con 100mila docenti e 40mila Ata supplenti annuali. Lascia a desiderare pure il potenziamento assegnato alle scuole, perché non sono state rispettate le richieste dei Collegi dei docenti e non si sono assunti Ata. La formazione iniziale si è rivelata un disastro: rispetto alla classe docente più vecchia del mondo, non si può proporre un concorso-corso che dura otto anni”.

Scuola, Renzi chiede un parere sulla riforma. Il sindacato: “Tut...