Scuola pubblica – A.A.A. dirigente cercasi… ma sono pochi i posti a concorso

(Teleborsa) – E’ ormai imminente l’attesissimo concorso per Dirigenti scolastici, in palio vi sono 1.500 posti. La conferma è arrivata dal Ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli, la quale ha affermato che “è prossimo il bando” per consentire di “riportare alla normalità i carichi di lavoro” e “risolvere l’annoso problema delle numerose reggenze”, dando l’opportunità di “progressione di carriera a quei docenti che siano interessati ad un nuovo ruolo”.

Il testo deve passare solo al vaglio del Ministero dell’economia, poi sarà pubblicato in Gazzetta ufficiale dopo la comunicazione, che avverrà a brevissimo, alla presidenza del Consiglio dei ministri e il visto della Corte dei conti. Terminato questo iter, si procederà a chiedere al ministro della Funzione pubblica e al Mef l’autorizzazione definitiva.

Anche così, però, non sarà sufficiente a coprire tutti i posti “vacanti”, che sono almeno il doppio e non tengono conto né del turn over, né della quota eccedente prevista dalla legge, né, soprattutto, del fatto che i vincitori andranno “spalmati” su un triennio.

Va risolta poi la questione di aprire il concorso ai precari storici. Per la prima volta, i cinque anni di servizio minimo potranno essere raggiunti anche con il periodo di precariato, continuando però a escludere dalle prove concorsuali tutti i docenti precari già abilitati all’insegnamento. Pronta la replica del giovane sindacato della scuola Anief, che giudica illegittima tale esclusione ed auspica di riservare una quota delle immissioni in ruolo ai vicari che hanno svolto per almeno tre anni il ruolo di reggente di un istituto.
“Con i prossimi pensionamenti degli attuali presidi, da settembre ci ritroveremo con quasi 2 mila scuole prive di capo d’istituto e altrettante reggenze, con gli istituti che continueranno a essere gestiti a distanza”, ricorda il leader del sindacato, Marcello Pacifico. 

Scuola pubblica – A.A.A. dirigente cercasi… ma sono pochi ...