Scuola: 450 euro di aumento ai presidi. Caos per annullamento del concorso

Aumentano gli stipendi dei presidi ma le scuole senza personale dirigente sono ancora troppe

Settembre caldo per il mondo della scuola che, nelle ultime settimane, dovrà far fronte ad una vera e propria emergenza, ovvero: la mancanza di personale dirigente nelle scuole.

Con la firma definitiva all’Aran del Ccnl 2016-2018 arriveranno, infatti, aumenti in busta paga di circa 450 euro netti al mese per 7.452 presidi interessati dagli aumenti contrattuali.

Adesso, però, c’è da fare i conti anche con la questione legata al Concorso per Dirigenti Scolastici, dopo la recente pronuncia del Tar che ha annullato le prove d’esame e che comporta il rischio concreto di far iniziare il nuovo anno con circa 2.300 istituti senza dirigente di ruolo, da affidare di conseguenza a un reggente. Alle 1.999 sedi vacanti, che tengono già conto delle 450 uscite per effetto di quota 100, vanno aggiunti i 364 istituti sottodimensionati.

Concorso dirigenti scolastici, il Tar annulla la prova – Lo scorso 2 luglio, infatti, il concorso per dirigenti scolastici da 2.900 posti, ormai giunto alle battute finali, è stato annullato dal Tribunale regionale del Lazio che ha accolto un primo ricorso tra quelli presentati da decine e decine di candidati che avevano denunciato irregolarità nelle prove. Motivo del contendere: l’incompatibilità in cui versavano tre membri della commissione plenaria che ha fissato i criteri di valutazione delle prove.

“Il ricorso va accolto – hanno scritto i giudici amministrativi – a seguito della riconosciuta fondatezza della doglianza che ha contestato la legittimità dell’operato della commissione plenaria nella seduta in cui sono stati fissati i criteri di valutazione, con conseguente annullamento in toto della procedura concorsuale in questione”. Il punto accolto è quello della incompatibilità di tre commissari.

Una questione delicatissima, ancora tutta da definire, con il nuovo anno scolastico ormai alle porte.

Contro la pronuncia l’Associazione Nazionale Presidi (Anp) ha presentato ricorso. Così come il Miur ha chiesto la sospensiva in via cautelare con un appello al Consiglio di Stato. Non resta che attendere come si pronunceranno i Giudici di Palazzo Spada, la cui decisione è attesa in settimana.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Scuola: 450 euro di aumento ai presidi. Caos per annullamento del&nbsp...