Scuola, lotta al precariato ancora in alto mare

(Teleborsa) – Il Governo continua a navigare a vista sul precariato. Dopo le indiscrezioni su un nuovo maxi-piano di 80 mila assunzioni, poi ridimensionato dalla collocazione in organico di diritto solo di una parte dei posti oggi in quello di fatto, si parla ora genericamente di una “fase di transizione” che condurrà alla nuova forma di reclutamento prevista dalla riforma scolastica. 

Tale fase di transizione – sottolineano  i sindacati – potrebbe durare un po’, perché siamo ancora in attesa del decreto attuativo: su chi e come verrà stabilizzato, però, non si sa ancora nulla. Precario e abilitato? Precario con il solo titolo di insegnamento in attesa di un TFA?

“La risposta a tale quesito la forniamo noi”, replica Marcello Pacifico, leader del sindacati Anief, spiegando che “è assodato che gli attuali precari, in particolare quelli di seconda fascia d’Istituto e coloro che abbiano svolto più di 36 mesi di servizio, non possano essere lasciati nel limbo o, ancor peggio, al proprio destino: mai come oggi, con tante graduatorie senza più candidati, è indispensabile prevedere l’inserimento nelle GaE di tutti gli abilitati”.

Tutte queste richieste fanno parte degli oltre 70 emendamenti presentati dall’Anief alla Commissione Bilancio della Camera, proprio per mettere mano alle storture normative e modificare la riforma. A questo proposito è stato convocato anche uno sciopero lunedì prossimo, 14 novembre, con manifestazione a Roma.

Scuola, lotta al precariato ancora in alto mare