Scuola, Graduatorie precari: il Ministro promette di prenderle tutte in considerazione

(Teleborsa) – Le graduatorie dei docenti ancora in vigore quest’anno verranno “affrontate concretamente”, per “verificare e superare alcuni elementi di discriminazione tra le aree di concorso che sono state fatte”, perché “docenti, personale Ata e dirigenti” vanno “assolutamente considerati nella società come una delle professioni più importanti”. 

Per il sindacato della scuola Anief le parole pronunciate oggi dal ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli, durante una trasmissione radiofonica della Rai, sono confortanti, cui però va fatto seguito immediato attraverso apposite modifiche alle leggi delega. 

“Finalmente – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – un ministro della Repubblica a capo del Miur apre alla possibilità pratica di svuotare le graduatorie dei precari della scuola, senza più distinzioni o discriminazioni, come invece è stato fatto negli ultimi anni. L’apertura, comunque, si era avuta già dal Consiglio dei Ministri che lo scorso 14 gennaio ha approvato la delega sul riordino della formazione iniziale e di accesso nei ruoli di docente nella scuola secondaria, nella quale si parla espressamente di ‘fase transitoria’ da attuare fino al 2020, quando prenderà il via la nuova fase prevista dalla ‘Buona Scuola’”.

Scuola, Graduatorie precari: il Ministro promette di prenderle tutte in considerazione
Scuola, Graduatorie precari: il Ministro promette di prenderle tutte i...