Scuola, fallisce anche il progetto per il potenziamento dell’Infanzia

(Teleborsa) – Per gli alunni da 0 a 6 anni nessun potenziamento né anticipo dell’obbligo scolastico. E’ quanto contenuto nelle otto leggi delega che saranno esaminate domani dal Consiglio dei Ministri. 

Una mancanza che ha fatto infuriare il giovane sindacato della scuola Anief, il quale sottolinea che in questo modo non vi sarà alcun piano straordinario d’immissioni in ruolo per una categoria di docenti già dimenticata dalla Buona Scuola e nessuna novità per favorire l’accesso alla primaria con un anno “ponte”. 

“Con il nostro progetto – commenta il leader del sindacato Marcello pacifico – si sarebbe prevista la naturale continuità con il progetto pedagogico del primo biennio della Scuola primaria, tenuto conto delle Indicazioni nazionali per il curricolo. Ciò avrebbe valorizzato le potenzialità di bambini, facendo vivere loro uno spazio relazionale e uno cognitivo più dinamici”.

“A mancare nella delega sull’infanzia ci sono anche altre questioni, come il mancato organico potenziato, promesso a lungo e ora svanito. E pure la difficile assunzione di tutti i vincitori e idonei dei concorsi pubblici svolti negli ultimi anni, rimasti sinora ancora incredibilmente esclusi delle immissioni in ruolo, senza certe prospettive di assunzione a tempo indeterminato, pur in presenza di posti vacanti”, conclude.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Scuola, fallisce anche il progetto per il potenziamento dell’Inf...