Scuola, Anief: si festeggia l’aumento di 50 euro, ma MIUR blocca assegnazioni provvisorie

(Teleborsa) – Mentre i sindacati  festeggiano per la promessa fatta oggi dal Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca (MIUR) Valeria Fedeli di definire entro un mese le linee di indirizzo del rinnovo contrattuale, per portare in media un aumento al massimo di 50 euro netti dopo nove anni di blocco, sta passando in silenzio una decisione sulla mobilità che andrà a danneggiare decine di migliaia di docenti di ruolo.

Si tratta della conferma del blocco triennale della provincia di immissione in ruolo e del divieto di domanda per chi ha ottenuto trasferimento. Manca ancora l’ufficialità, ma il MIUR rimane fermo sulle sue convinzioni: tutti quegli insegnanti non potranno presentare ad agosto la domanda di assegnazione provvisoria. Si negherà loro sia la mobilità annuale provinciale sia quella interprovinciale. Il divieto scatterebbe anche in presenza di esigenze di famiglia, a meno che non vi siano disabili o congiunti da assistere in via esclusiva. Lo rivela il sindacato  della scuola Anief che è già pronto a ricorrere in Tribunale.

“Come si spiegherà al personale che la deroga al blocco per assunti nell’ultimo triennio è concessa solo a una parte di personale? Per noi è chiaro che, a parità di condizioni, la deroga va confermata. Altrimenti, ricorreremo al giudice del lavoro. Perché la vita professionale e gli affetti dei docenti valgono molto di più delle norme altalenanti e prive di logica prodotte da un’amministrazione sempre più confusionaria”, chiosa Marcello Pacifico Presidente dell’Anief

Scuola, Anief: si festeggia l’aumento di 50 euro, ma MIUR blocca ass...