Scuola, Anief denuncia: sarà un altro anno difficile per il sostegno

(Teleborsa) – Per il sostegno agli alunni disabili si prospetta un altro anno difficile. Soprattutto in alcune regioni, dove il numero di alunni disabili è in deciso aumento, scarseggiano i candidati in graduatoria e il MIUR continua a mantenere quasi tutti i posti vacanti in organico di fatto. La situazione è preoccupante, tanto che solo in Sicilia, dove sono presenti 16.378 posti di sostegno (di cui oltre 4mila sia a Palermo che e Catania), in queste ore il direttore generale dell’USR, Maria Luisa Altomonte, con il decreto direttoriale n. 52, ha assegnato agli Uffici degli Ambiti Territoriali 4.872 cattedre in deroga.

+ E’ questa la denuncia del sindacato della scuola Anief che spiega: come nell’isola, in un solo anno sia cresciuto di oltre 1.200 unità il numero di allievi che necessitano di supporto didattico sia salito sensibilmente il numero di disabili gravi, per cui serviranno quasi 6mila docenti specializzati in più rispetto all’organico di diritto: “da settembre avremo 16.378 posti di sostegno (di cui oltre 4mila sia a Palermo che e Catania), ma di questi ben 4.872 saranno cattedre in deroga”, spiega il sindacato che replica: “sono state tutte disattese le nostre richieste e ora si paga il conto naturale per i mancati interventi”. 

Marcello Pacifico, Presidente Anief chiosa:”Un posto su tre di sostegno continua a essere collocato in deroga, perché in questo modo lo Stato risparmia sui mesi estivi e mantiene il personale in stato di precarietà. Stando così le cose, diventa ancora più incomprensibile l’impossibilità per i docenti specializzati di potersi collocare nelle province dove risulta un maggior numero di posti vacanti e disponibili. Il mancato aggiornamento completo delle GaE, infatti, diventa ancora più incomprensibile laddove va a incidere sul supporto agli alunni con problemi psico-fisici. Riteniamo, stando così le cose, particolarmente importante il nostro patrocinio gratuito a famiglie, docenti e cittadini che intendono chiudere, attraverso il giudice, il numero di ore coincidente con quelle indicate dalle commissioni di esperti e invece troppo spesso negate dall’amministrazione”.

L’Anief, nel ribadire il proprio impegno a tutela dei diritti degli alunni con disabilità con l’iniziativa “Sostegno, non un’ora di meno!’” ricorda che, in caso di inadempienze sulla corretta attribuzione delle ore di sostegno, le segnalazioni (da parte delle famiglie, dei docenti, dei dirigenti scolastici e del personale tutto) possono essere inviate scrivendo a sostegno@anief.net

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Scuola, Anief denuncia: sarà un altro anno difficile per il sost...