Scuola, al via il concorso ordinario per 33mila posti

Dal 15 giugno al 31 luglio sarà possibile presentare online le domande per il concorso ordinario per la scuola secondaria di primo e secondo grado

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Dipartimentale 649 del 3 giugno 2020 con la nuova ripartizione dei posti del concorso ordinario per la scuola secondaria.
I posti messi a bando passano dai 25mila previsti a 33mila per effetto di una misura prevista nel decreto Rilancio.

Da lunedì 15 giugno e fino al 31 luglio gli aspiranti docenti dovranno compilare obbligatoriamente la domanda sul sito del Ministero dell’Istruzione, nella sezione concorsi. La procedura concorsuale è bandita a livello nazionale e organizzata su base regionale.

Il bando

La procedura concorsuale, bandita a livello nazionale e organizzata su base regionale, è finalizzata alla copertura di complessivi 33.000 posti comuni e di sostegno autorizzati nella scuola secondaria di primo e secondo grado, che si prevede si renderanno vacanti e disponibili per il biennio che comprende gli anni scolastici 2020/2021 e 2021/2022.

Modalità di partecipazione

Ciascun candidato può concorrere in una sola regione, a eccezione della Valle d’Aosta e del Trentino Alto Adige, e per una sola classe di concorso, distintamente per la scuola secondaria di primo e di secondo grado, nonché per le distinte e relative procedure sul sostegno. La richiesta di partecipazione a più procedure concorsuali dovrà essere effettuata mediante la presentazione di un’unica istanza con l’indicazione dei concorsi a cui si intenda partecipare.

Tipologie di posto per cui si può concorrere

  • posti corrispondenti alle classi di concorso
  • posti corrispondenti alle classi di concorso dei profili di ITP
  • posti di sostegno

Requisiti di accesso per le classi di concorso e i posti di Insegnante tecnico pratico (ITP)

  • abilitazione all’insegnamento, anche se riferita a un grado di scuola diverso o altra classe di concorso + titolo di studio previsto per l’accesso alla classe di concorso. Non è necessario il requisito dei 24 CFU
  • titolo di studio previsto per l’accesso alla classe di concorso + 24 crediti (CFU/CFA) nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche
  • per i posti di ITP basta il diploma che costituisce titolo di accesso sulla base della normativa vigente, fino al 2024/25 non è richiesto il possesso dei 24 CFU

Requisiti di accesso per i posti di sostegno

  • abilitazione all’insegnamento + specializzazione per le attività di sostegno didattico
  • titolo di studio previsto per l’accesso alla classe di concorso + 24 CFU/CFA + specializzazione per le attività di sostegno didattico
  • per gli ITP: diploma che costituisce titolo di accesso sulla base della normativa vigente + specializzazione per le attività di sostegno didattico

Sono ammessi gli specializzandi iscritti al TFA di sostegno che conseguiranno il titolo entro il 15 luglio 2020.

Come presentare la domanda

Ciascun candidato deve presentare la propria domanda tramite Istanze online, alla Piattaforma Concorsi e Procedure selettive, a partire dalle 09.00 del 15 giugno 2020, fino alle ore 23.59 del 31 luglio 2020.
Per accedere si possono utilizzare le credenziali dell’area riservata del Portale ministeriale oppure una identità digitale SPID. In entrambi i casi occorre essere abilitati al servizio Istanze OnLine.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Scuola, al via il concorso ordinario per 33mila posti