Sciopero aerei 25 novembre: orari e modalità

I dipendenti Alitalia, Air Italy ed ENAV sciopereranno per l'intera giornata di domani, anche se saranno garantiti i servizi minimi

Quella di domani sarà una giornata campale per chiunque dovrà mettersi in viaggio in aereo. Le sigle sindacali hanno infatti indetto uno sciopero del settore aereo per il 25 novembre, con disagi “spalmati” lungo tutta la giornata.

La protesta è stata indetta da tutte le maggiori sigle sindacali del comparto aereo (ast-Confsal, Cub Trasporti/AirCrowCommittee, Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uilt-Uil, UGLTA e Assivolo Quadri) e rischia di mettere in ginocchio tutti gli aeroporti italiani per un’intera giornata. Lo sciopero aereo del 25 novembre, infatti, riguarderà tanto il personale di volo quanto quello di terra, con ripercussioni su tutti i servizi legati al volo.

Dalle 00:01 alle 24:00 di lunedì 25 novembre incroceranno le braccia piloti e assistenti di volo di Alitalia e Air Italy, mettendo così a rischio la partenza di decine e decine di voli. Verranno comunque garantiti i servizi minimi, così come previsto dalla legislazione nazionale. Sempre per il 25 novembre è previsto uno sciopero di 24 ore del personale ENAV (Ente Nazionale per l’Assistenza di Volo), che si occupa di controllare il traffico aereo e di gestire le operazioni in pista su moltissimi aeroporti. Le modalità dello sciopero e i voli garantiti sono presenti sul sito ENAV.

Chi deve mettersi in volo domani, dunque, è invitato a contattare la propria compagnia aerea e verificare che il proprio volo sia o meno in partenza. Molte informazioni possono essere trovate direttamente sul web, dove le compagnie aeree segnaleranno eventuali voli cancellati e quelli invece in partenza. Altrimenti, sia Alitalia sia Air Italy mettono a disposizione dei loro clienti dei numeri verde da contattare per ricevere assistenza e accedere a tutte le informazioni disponibili.

La mobilitazione arriva in un momento particolarmente difficile per il comparto aereo italiano e promette di essere solo la prima di una lunga serie. La crisi Alitalia, infatti, sembra non trovare sbocco: la cordata non s’ha da fare, almeno per il momento, e l’ipotesi più probabile è quella di prolungare indefinitivamente il periodo di commissariamento per avviare l’ennesima fase di risanamento dell’azienda.

Anche per questi motivi, il personale Alitalia sciopererà nuovamente il prossimo 13 dicembre, a meno che delle novità dell’ultima ora non intervengano a sparigliare le carte sul tavolo e ribaltare una situazione che sembra sempre più critica.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Sciopero aerei 25 novembre: orari e modalità