Scioperi, il garante chiede la revoca dello stop dei benzinai

Dal Garante arriva il "fermo invito" a tutte le organizzazioni sindacali a non effettuare astensioni fino al 30 marzo 2020

Dal Garante arriva il secco no agli scioperi nei servizi pubblici essenziali con l'”invito” a revocare subito lo stop dei benzinai, mentre il Premier Conte ha assicurato che verrà adottata “un’ordinanza in modo da assicurare i rifornimenti nella penisola” perchè “è chiaro che in questo momento dobbiamo presidiare le attività essenziali”.

La Ministra dei Trasporti, Paola De Micheli, e il Ministro dello Sviluppo Stefano Patuanelli, annunciano che si sta lavorando a a “intese tra i concessionari e i benzinai” e che i gestori potranno concordare con i concessionari autostradali periodi di apertura alternata. ma che in ogni caso dovranno essere, i rifornimenti self-service.

La protesta dei benzinai con i sindacati di categoria prevede a partire da oggi, mercoledì 25 marzo, la chiusura progressiva dei distributori in tutto il Paese – a partire dalla rete autostradale, compresi raccordi e tangenziali, e, a seguire, tutti gli altri anche lungo la viabilità ordinaria – perchè “da soli, non siamo più nelle condizioni di assicurare né il necessario livello di sicurezza sanitaria, né la sostenibilità economica del servizio”.

La presa di posizione dei benzinai rischia di bloccare completamente il Paese e i rifornimenti di supermercati e negozi di prima necessità. Il Garante, prosegue la nota, ribadisce “il fermo invito” a tutte le organizzazioni sindacali, fino al 30 marzo 2020, considerato lo stato di emergenza epidemiologica dichiarato sul territorio nazionale, dovuto al diffondersi del virus COVID-2019, “a non effettuare scioperi che coinvolgano i servizi pubblici essenziali, dal momento che essi non farebbero altro che aggravare la condizione dei cittadini”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Scioperi, il garante chiede la revoca dello stop dei benzinai