Sanità a rischio esplosione: oltre 13 milioni di persone “espulse” dal SSN

(Teleborsa) – E’ di nuovo allarme sulla Sanità, che resta ad alto rischio esplosione, con ben 13,5 milioni di individui espulsi nel 2016. E’ quanto rivela il VII rapporto sulla sanità realizzato dal Censis in collaborazione con la compagnia assicurativa RBM
 e presentato in occasione del Welfare day. 

Il rapporto segnala anche che quasi 1 italiano su 4 non riesce a far fronte alle spese sanitarie, vale a dire il 22,3%, con una impennata rispetto al 7,8% del 2006.
9 milioni di italiani hanno dovuto rinunciare alle cure per motivi economici ed altri 8 milioni hanno dovuto spendere tutti i risparmi o indebitarsi per le cure. 

L’Identikit di chi è stato “espulso”: si tratta generalmente di individui a basso reddito e con malattie croniche, in molti casi non autosufficienti e perlopiù di genere femminile. 

Secondo i calcoli, mancano 20-30 miliardi di euro per sostenere gli attuali livelli assistenziali e l’intero sistema sanitario è a rischio crack. La soluzione? La strada indicata dagli esperti passa per la sanità integrativa obbligatoria, come avvenuto in Francia.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Sanità a rischio esplosione: oltre 13 milioni di persone “espul...