Salario minimo, mille euro annui in più per 2,9 mln di lavoratori

(Teleborsa) – Con la proposta del salario minimo, ora in discussione in Parlamento, si potrebbe avere un aumento annuo della retribuzione di poco più di mille euro per 2,9 milioni di lavoratori (2,4 se si escludono gli apprendisti).

È quanto emerso nel corso dell’audizione alla Camera dell’Istat nell’ambito dell’esame sui provvedimenti di legge per l’introduzione del salario minimo a 9 euro l’ora.

Secondo l’istituto nazione di statistica, si avrebbe un aumento del monte salari complessivo stimato in circa 3,2 miliardi di euro. “L’adeguamento al salario minimo di 9 euro inciderebbe in media dello 0,9% per il totale dei rapporti e del 12,7% per quelli interessati dall’intervento”, ricorda l’Istat. A essere maggiormente interessati sarebbero i lavoratori nei servizi (+8,8%), gli apprendisti (+10%) e i giovani sotto i 29 anni (+3,2%).

“La via maestra deve essere sempre quella del dialogo sociale. Pertanto, ogni iniziativa legislativa dovrebbe essere anticipata da un profondo e significativo coinvolgimento e confronto con le parti sociali”, ha commentato Tiziano Treu, presidente del CNEL, in audizione all Commissione Lavoro del Senato.

L’ex ministro ha sottolineato l’importanza della “dinamica della rappresentatività sindacale e datoriale” nella discussione in corso sul salario minimo.

“Qualunque normativa sui minimi salariali deve essere preceduta dalla definizione di regole sulla rappresentatività e sui perimetri contrattuali, anche in una logica di lotta alla pratica del dumping sociale”, ha proseguito Treu che ha ricordato l’importanza di far coesistere “su binari ben distinti” i minimi fissati dai contratti collettivi con i nuovi minimi di legge.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Salario minimo, mille euro annui in più per 2,9 mln di lavorator...