Ryanair, in campo ipotesi di oltre 1500 esuberi

Previsti 1.500 posti in meno a causa del calo degli utili, dei problemi legati allo stop del Boeing 737 Max e all'effetto Brexit

(Teleborsa) – Fino a 1500 esuberi tra piloti e assistenti di volo per rispondere alla crisi del Boeing 737 MAX e alla Brexit. Sarebbe questa l’opzione messa in campo da Ryanair come dichiarato dal Ceo Michael O’Leary in un videomessaggio visionato da Bloomberg e confermato dalla stessa società.

Secondo O’Leary, dopo lo stop del velivolo a seguito delle tragedie dei mesi scorsi e con la Brexit in vista, la compagnia aerea avrebbe già un eccesso di oltre 500 piloti e di circa 400 assistenti di volo, a cui si aggiungerebbero altri 600 lavoratori in eccesso per la prossima estate.

Se confermato, si tratterebbe del più grande taglio di personale della compagnia, con circa il 10% dei piloti a rischio sugli attuali 5.500 in servizio.

Nel videomessaggio, l’ad della compagnia aerea ha informato lo staff che i licenziamenti saranno decisi entro la fine di agosto, dopo averne discusso con gli aeroporti e i sindacati delle 86 le basi europee della società con sede a Dublino: i tagli saranno poi annunciati a settembre e ottobre, ma non è escluso il periodo di Natale.

“Nelle prossime due settimane faremo del nostro meglio per ridurre al minimo le perdite di posti di lavoro, ma alcune sono inevitabili in questo momento”, ha dichiarato O’Leary.

 

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Ryanair, in campo ipotesi di oltre 1500 esuberi