Reddito di cittadinanza, il maggior numero di domande in Lombardia

La Lombardia è la prima regione per richieste di reddito di cittadinanza, a seguire Campania e Sicilia

Sono 221.933 le domande di reddito di cittadinanza pervenute a Poste italiane dal 6 marzo a oggi di cui 193.731 presso gli uffici postali e 28.802 online. A rendere noti i dati è il ministero del Lavoro, precisando che la prima regione per le domande accolte da Poste e online è la Lombardia.

LA CLASSIFICA – In totale il dato riguardante la Lombardia arriva a 31.309 domande, largamente superiore a ogni altro nel nostro Paese. La Campania, seconda nella speciale graduatoria, si attesta circa 2.500 richieste più in giù, a quota 28.897. Terza la Sicilia con 23.863, quarto il Piemonte a 20.981, quinto il Lazio a 20.741.

NAVIGATOR – In Lombardia verranno assunti circa 300 navigator, le nuove figure professionali che dovranno aiutare i disoccupati a trovare lavoro. A comunicarlo è l’assessore all’Istruzione, formazione e lavoro della Regione Lombardia, Melania Rizzoli, all’indomani dell’accordo fra governo e Conferenza delle Regioni, che stabilisce l’assunzione di tremila navigator (di cui 300-350 in Lombardia) in luogo dei seimila inizialmente previsti.

DECRETONE – Il decretone che istituisce il reddito e la pensione di cittadinanza – oltre a quota 100, l’anticipo pensionistico – non è ancora legge. È tornato nelle commissioni della Camera per aggiustamenti tecnici, ma il voto finale con la questione di fiducia è previsto entro giovedì. Sarà infine necessaria un’ultima lettura in Senato, prima della conversione in legge entro il 29 marzo.

Chi ha presentato il reddito sin qui, in base ai criteri inseriti nel decretone ma poi modificati durante l’iter parlamentare, dovrà integrare la documentazione entro 6 mesi. Altrimenti perderà l’assegno. L’Inps prevede di approvare le prime domande entro il 15 aprile e accreditare le somme sulla card prima della fine del mese.

Reddito di cittadinanza, il maggior numero di domande in Lombardi...