Reddito di Cittadinanza, domande sfondano quota 600mila

Quasi la metà della platea potenziale stimata dal Governo in 1 milione e 300 mila famiglie

Come da previsioni, la marcia del Reddito di Cittadinanza procede a passo molto veloce. Lo dicono i numeri: dallo scorso 6 marzo -primo giorno utile per presentare le domande e accedere alla misura – ad oggi, , infatti, sono state presentate 192.310 richieste presso gli uffici postali e online, sul sito del governo. A cui si sommano le 420 mila  inoltrate dai Caf – dato aggiornato alla fine della scorsa settimana -. In totale, 612.310 moduli: in pratica, il 47% circa della platea complessiva degli aventi diritto – quasi la metà – stimata dal governo in 1 milione e 300 mila famiglie.

GUIDA LA LOMBARDIA – Dando un’occhiata allo Stivale, le prime cinque regioni per numero di richieste sono la Lombardia con 26.492, la Campania con 25.486, la Sicilia con 21.071, il Piemonte con 18.118 e il Lazio con 17.971.

Occorre intanto precisare una cosa: il decretone che di fatto regola reddito e la pensione di cittadinanza – oltre a quota 100, sul fronte pensionistico- non è ancora legge. E’ tornato nelle commissioni della Camera per aggiustamenti tecnici, ma il voto finale con la questione di fiducia è previsto entro giovedì. Servirà un’ultima lettura in Senato, prima della conversione in legge entro il 29 marzo.

Orecchie ben aperte dunque per chi ha presentato il reddito sin qui in base ai criteri inseriti nel decretone ma poi modificati durante l’iter parlamentare, che dovrà integrare la documentazione entro 6 mesi. Altrimenti addio assegno .

Nel mirino in particolare i cittadini extra-Ue. Per loro, infatti, paletti più stringenti: non basterà presentare l’Isee, ma sarà necessaria anche una certificazione in lingua italiana rilasciata dal paese d’origine sulla situazione economica. per verificare la composizione del nucleo familiare, il reddito e il patrimonio. Documenti che dovranno essere tradotti in italiano e quindi convalidati dal consolato. Non serviranno però per tutti i paesi: alcuni saranno esentati in una lista individuata dal Ministero del Lavoro che stabilirà in quali Paesi è impossibile ottenere le certificazioni.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Reddito di Cittadinanza, domande sfondano quota 600mila