Reddito di cittadinanza, cambiano i requisiti per chiedere il sussidio

Con il nuovo Decreto Cura Italia cambiano le regole per accedere al beneficio: da maggio potrebbero aumentare i potenziali beneficiari

Secondo quanto previsto dall’ultima bozza del decreto cura Italia, dovrebbero cambiare i requisiti per richiedere il Reddito di cittadinanza. In particolare potrebbero essere aumentate le soglie reddituali e patrimoniali, facendo così aumentare da maggio anche i potenziali beneficiari.

Reddito di cittadinanza, cambiano le regole

La bozza del nuovo decreto legge che il Governo si accinge a varare prevede norme diverse per l’accesso al Reddito di cittadinanza durante l’emergenza Coronavirus. Queste norme varranno per le domande presentate dal 1° luglio 2020 sino al 30 ottobre 2020: per i periodi precedenti il decreto Cura Italia aveva già sospeso le condizionalità.

Reddito di cittadinanza, nuovi requisiti per accedere al sussidio

I nuovi limiti per accedere al reddito di cittadinanza se il provvedimento dovesse essere approvato, sono:

  • limite Isee di 10 mila euro (incrementati dagli attuali 9.360 euro);
  • patrimonio immobiliare non superiore a 50mila euro (rispetto agli attuali 30mila);
  • patrimonio finanziario (liquidità su conti correnti, depositi e investimenti) non superiore a 8 mila euro (dagli attuali 6mila euro).

Reddito di cittadinanza, contratti a termine settore agricolo

La bozza del decreto prevede anche che i percettori di Reddito di cittadinanza (come anche i beneficiari di ammortizzatori sociali, Naspi e Dis-coll) potranno stipulare con datori di lavoro del settore agricolo contratti a termine non superiori a 30 giorni, rinnovabili per ulteriori 30 giorni, senza subire la perdita o la riduzione dei benefici previsti, nel limite di 2mila euro per l’anno 2020.

Reddito di emergenza fino a 800 euro per 3 mesi

Un’altra novità che sarà introdotta nel decreto Aprile è il Reddito di emergenza per colore che sono rimasti fuori dalle misure del decreto Cura Italia. Il valore del reddito sarà da 400 fino a un massimo di 800 euro al mese per tre mesi e potrà essere chiesto anche da chi percepisce il reddito di cittadinanza in modo che vada a integrare la somma mensile per arrivare dai 400 agli 800 euro previsti.

Reddito di cittadinanza, sospesa fino a giugno la verifica dei requisiti

Continuano a essere sospesi fino a giugno i termini per la segnalazione delle variazioni al nucleo familiare o al reddito dei titolari di Reddito o Pensione di Cittadinanza, che quindi continuano a percepire il sussidio anche senza aver inviato l’eventuale comunicazione di variazione reddituale o familiare
La sospensione dei termini di decadenza relativi alle prestazioni previdenziali, assistenziali e assicurative erogate dall’Inps e dall’Inail, disposta in considerazione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, a decorrere dal 23 febbraio 2020 e sino al 1° giugno 2020, è contenuta nel messaggio n. 1608 del 14 aprile 2020.

 

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Reddito di cittadinanza, cambiano i requisiti per chiedere il sussidio