Fumo, soldi a chi smette – Riparte la lotta al fumo, con incentivi alle aziende private che aiutino i propri dipendenti a smettere e sanzioni per chi si ostina a fumare sui luoghi di lavoro

Riparte la lotta al fumo, con incentivi alle aziende private che aiutino i propri dipendenti a smettere e sanzioni per chi si ostina a fumare sui luoghi di lavoro


A due anni dalla legge Sirchia il ministro della Salute Livia Turco, in un’intervista al quotidiano La Stampa, rilancia: “La norma è stata efficace ma non basta“.
“La legge Sirchia – osserva il Ministro – ha ridotto i danni per i non fumatori. Purtroppo sui fumatori ha avuto solo l’effetto di far cambiare loro le abitudini. Se prima fumavano all’interno dei ristoranti o degli uffici ora lo fanno fuori”. Per questo motivo, la Turco si appresta a mettere a punto un piano per la lotta contro il fumo che prevede incentivi alle aziende private che aiutino i propri dipendenti a smettere di fumare, sanzioni per chi si ostina a accendere sigarette sul luogo di lavoro e per chi quelle sigarette gliele fa accendere, esenzioni per i farmaci antifumo e le spese nei centri di tabagismo, campagne di informazione nelle scuole.

In particolare, il ministro della Salure ha affermato di voler stringere una ”alleanza” con il mondo del lavoro: ”Sull’esempio di quanto accade al gruppo Luxottica – ha spiegato – che mette a disposizione dei propri dipendenti un percorso condiviso e partecipato per l’astinenza volontaria dal fumo. Vorrei introdurre incentivi per le aziende private virtuose che diano il via a iniziative simili”. “Sarà considerato”, ha inoltre sottolineato la Turco, “anche il possibile innalzamento da 16 a 18 anni per la vendita delle sigarette, come già accade in Gran Bretagna.

E per chi proprio non volesse abbandonare il vizio?
Rinunciare alle sigarette è molto difficile, per alcuni anche impossibile nonostante la consapevolezza dei danni. E allora bisogna aiutarli. Come? Con interventi più espliciti per una “maggiore responsabilizzazione”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Fumo, soldi a chi smette – Riparte la lotta al fumo, con incenti...