Professione Youtuber: quanto guadagnano le star del web

Milioni di fan su Youtube significano migliaia di euro guadagnati ogni mese: ogni milione di click si incassano mille euro

Ragazzini e adolescenti della cosidetta “generazione Z” stravedono per loro, mentre sono un vero incubo per i genitori costretti dai figli a ore di fila per incontrarli e farsi fare un autografo. Sono gli Youtuber, i nuovi “eroi” della Rete ma anche i nuovi milionari: Forbes stima che fra giugno 2016 e giugno 2017 i dieci protagonisti più pagati di Youtube nel mondo abbiano guadagnato 127 milioni di dollari lordi (+80% annuo).

Un lavoro a tutti gli effetti: questi ragazzi guadagnano grazie alle visualizzazione dei propri contenuti, ai like ricevuti e della pubblicità nei loro video. Non è facile quantificare le cifre. In Italia i più famosi si aggirerebbero sui 100-200mila euro lordi di incassi, solo da Youtube (fonte Socialblade.com). A cui vanno aggiunte le entrate di libri, eventi e sponsor.

QUANTO SI GUADAGNA – Ma quanto è possibile guadagnare diventando youtuber? Per quanto riguarda l’Italia, una recente elaborazione condotta dalla Wavemaker Content ipotizza un introito medio di mille euro per ogni milione di visualizzazioni, tuttavia si tratta di un guadagno potenzialmente raggiungibile e non di un compenso certo.

LA CLASSIFICA – Milioni di fan su YouTube significano migliaia di euro guadagnati ogni mese. La classifica italiana per numero di iscritti (e quindi per guadagni) vede al primo posto Lorenzo Ostuni, gamer meglio conosciuto come Favij (4,4 milioni di iscritti), seguito dal duo comico iPantellas (3,35 milioni), e da St3pNy (il gamer Stefano Lepri il cui canale ha 3,09 milioni di iscritti). Non guadagnano le cifre stellari degli youtuber classificati da Forbes: difficile stabilire con precisione i guadagni che dipendono da pubblicità, branded content e azioni varie di marketing una volta raggiunto un certo livello, l’ipotesi più accreditata è che dalla piattaforma in media agli youtuber vip vadano mille euro per ogni milione di visualizzazioni.

CRITERI PIU’ SELETTIVI  – Se diventare Youtuber è una delle aspirazioni più condivise tra i giovani, realizzarlo è tutt’altro che facile. Soprattutto dal momento in cui Youtube ha ristretto i criteri per far parte dello Youtube Partnership Programme, quello che consente a chi abbia un canale e produca contenuti originali di guadagnare grazie alla pubblicità sui propri contenuti. Fino al 15 gennaio 2018, infatti, i canali dovevano raggiungere 10mila visualizzazioni totali; dal 16 gennaio servono mille iscritti e 4mila ore di visualizzazioni negli ultimi 12 mesi.

Professione Youtuber: quanto guadagnano le star del web