Precariato, legali Anief al Parlamento UE: urge soluzione

(Teleborsa) – Duro intervento degli avvocati dell’ Anief presso la Commissione UE. Il sindacato denuncia lo Stato italiano per inottemperanza rispetto alle sentenze della Corte di Giustizia europea, sia per i dipendenti della Scuola che per quelli della Pubblica Amministrazione (Sanità, Regioni, Enti locali). Urge una risposta netta e precisa rispetto a chi da anni è stato sfruttato dallo Stato per supplire alle mancate immissioni in ruolo e per garantire il servizio pubblico. I risarcimenti sono irrisori. È stato annunciato anche ricorso alla Corte Europea Diritti dell’Uomo (CEDU) e una denuncia al Consiglio d’Europa, nonché la prosecuzione del contenzioso nei Tribunali del lavoro, per ottenere almeno un minimo riconoscimento. La violazione della normativa comunitaria riguarda anche i decreti per la stabilizzazione del tribunale di ruolo e per la ricostruzione di carriera. Ancora possibile presentare ricorso.

“La Corte di Giustizia europea ha affermato che per il precariato ha fatto bene il tribunale di Napoli ad applicare una sanzione per la mancata assunzione dei precari, perché era un’ammenda giusta. Ora, però, lo Stato italiano si permette di modificare la normativa UE che tutelava i lavoratori, cancellandola dall’ordinamento”, ha spiegato l’avvocato Vincenzo De Michele, esperto di diritto del lavoro e previdenziale

“Quello che sta accadendo in Italia sul fronte del precariato non è ammissibile: alla mancata adozione delle direttive e delle sentenze comunitarie vanno aggiunte le indicazioni della Suprema Corte di Cassazione sulla mancata assunzione dopo 36 mesi di servizio anche non continuativo”. E’ questo il commento di Marcello Pacifico, Presidente Anief.

 

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Precariato, legali Anief al Parlamento UE: urge soluzione