Prada premia i suoi dipendenti con 1.500 euro

Il piano "welfare" dell'azienda vede l'assegnazione a dicembre del premio una tantum per tutti i 4mila dipendenti in Italia

Prada assegnerà un premio una tantum da 1.500 euro agli oltre 4 mila dipendenti italiani, destinato all’acquisto di beni e servizi per le loro famiglie. Il bonus verrà pagato a dicembre, sarà spendibile per tutto il 2019 e si aggiunge a tutti gli altri riconoscimenti, compreso il bonus di produzione aziendale, già previsti nel contratto integrativo del gruppo.

I dipendenti di Prada potranno spendere questi 1.500 euro tramite una intranet aziendale, o all’esterno, in vari iniziative dalla scuola alle spese per asili nido, l’assistenza medica, centri estivi per bambini e ragazzi, trasporti pubblici, o anche occasioni di svago come teatri, musei, palestre e viaggi.

Con questa decisione Prada vuole espandere le iniziative di supporto ai dipendenti, creando un piano organico di servizi per loro esigenze di vita. L’impegno interessa i 18 stabilimenti produttivi dislocati in 5 regioni italiane, tutti gli uffici e negozi dei cinque marchi del Gruppo in Italia. Un passo con cui Patrizio Bertelli, co-amministratore delegato ha voluto manifestare “la gratitudine per il lavoro svolto da tutti i dipendenti del Gruppo”.

Per adesso si tratta di un esperimento e il premio è una tantum. Ma la trattativa sulla contrattazione aziendale punta a introdurre in tutte le sedi italiane la possibilità di convertire in welfare i premi di risultato, una scelta ormai integrata nella politica di gestione delle risorse umane del gruppo, che da anni ha reso disponibili per i propri dipendenti una serie di servizi. E sempre più diffusa tra le aziende, perché avvantaggia i lavoratori, visto che la legge consente la detassazione dei premi di risultato assegnati sotto forma di welfare.

Prada premia i suoi dipendenti con 1.500 euro