Per lavorare in Google non serve la laurea: ecco perché

Google dice no alla laurea perché cerca persone con qualche skill originale, che permetta loro di terminare positivamente un progetto o di fare cose straordinarie

Google e il suo no alla laurea: per l’azienda californiana, avere un diploma ottenuto in una facoltà rinomata non è uno dei criteri principali di scelta del personale. Lo dichiara Lazlo Bock, responsabile delle assunzioni in Google, durante un’intervista per il New York Times. Lazlo ha riferito che Google verifica anche il corso di studi dei suoi candidati, ma in genere aver ottenuto una laurea con il massimo dei voti non è un requisito necessario, come invece avviene per altri posti di lavoro ambiti.

L’assunto di Lazlo parte da una realtà lavorativa quotidiana e da una necessità concreta: chi primeggia, chi è in grado di risolvere al meglio i problemi pratici e chi è creativo e talentuoso. Una laurea conseguita in un’università prestigiosa, non dice nulla circa le reali capacità di una persona, perché da un titolo di studio non è possibile comprendere se un candidato è ricco di abilità originali o se invece è semplicemente una persona che ha lavorato sodo per passare gli esami. Ciò che Google cerca nei candidati che vogliono lavorare a Mountain View, è un qualche tipo di talento. I titoli di studio misurano le competenze delle persone, non ciò che una persona sa effettivamente fare o le sue peculiarità personali.

Questo non significa che quando si cerca lavoro presso Google non si debbano presentare tutti i documenti che testimoniano il proprio corso di studi, anzi: Lazlo Bock s’interessa anche alla carriera scolastica di tutti i candidati, solo che non pone questi dati in cima alla lista delle priorità da ricercare. Google è alla ricerca di persone di successo, realmente brillanti, che siano in grado di dimostrare che hanno fegato e che si sanno impegnare per terminare un progetto. Google, dicendo no alla laurea, offre a molti giovani la possibilità di lavorare in una delle migliori aziende a livello mondiale.

Ne deduciamo quanto segue: piuttosto che la laurea presso rinomati college, è preferibile dimostrare di avere esperienza in alcuni campi e abilità cognitiva per lavorare con Google. Sarà necessario dimostrarsi svegli, curiosi, pronti ad imparare e con buone doti di leadership. Queste sono le caratteristiche fondamentali, cui si aggiunge certamente la carriera scolastica. Del resto, Lazlo dichiara che dopo alcuni anni di lavoro, difficilmente qualcuno ci chiede che facoltà abbiamo seguito all’università, perché sono molto più importanti le nostre capacità e le esperienze che abbiamo maturato nella vita, insieme con i progetti in cui abbiamo avuto successo, impegnandoci a fondo in modo originale.

Per lavorare in Google non serve la laurea: ecco perché