Pensioni quota 100, nella scuola tanto scetticismo: previste solo 10 mila adesioni

Approvato il maxi decreto, Quota 100 non entusiasma gli insegnanti e scendono le domande attese

(Teleborsa) – Il Consiglio dei Ministri ha finalmente approvato il cosiddetto “decretone” su reddito di cittadinanza e su quota 100: al di là degli entusiasmi espressi dal Governo, da parte del personale della scuola, l’interesse per accedere al pensionamento anticipato sarebbe debole.

Rispetto all’adesione prevista di 70.000 insegnanti, più altre migliaia di Ata e dirigenti scolastici, quelli che effettivamente aderiranno a quota 100, per lasciare il servizio il 1° settembre prossimo, saranno molti di meno. Tra i lavoratori della scuola le domande attese, entro il prossimo 28 febbraio, sono circa 10.000. A scoraggiare potrebbe essere l’assegno più basso che si percepirà aderendo a Quota 100. Ma anche l’assegnazione ritardata di buona parte del Tfr, visto che solo 30 mila euro verrebbero corrisposti subito.

“Comprendiamo le perplessità del personale – dice Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – perché ammesso anche che la penalizzazione non superi il 16%, si tratta comunque di tagli considerevoli: su un assegno mensile di 1.600 euro, si scenderebbe a meno di 1.350 euro. Significa che in un anno si perdono oltre 3 mila euro netti. La verità – aggiunge il sindacalista – è che stiamo parlando di una professione fortemente usurante, per via dello stress psico-fisico derivante dal diretto contatto con gli alunni: questo lavoro va collocato tra quelli usuranti, a tutti i livelli, non solo per chi opera nei nidi e nella scuola dell’infanzia. Se in Europa si lascia la professione a 63 anni un motivo ci sarà, oppure gli altri Paesi fanno un regalo alla categoria?”.

Pensioni quota 100, nella scuola tanto scetticismo: previste solo 10 m...