Pensioni, aumenta platea beneficiari APE Social

(Teleborsa) – Gli ultimi ritocchi alla manovra economica ampliano la platea dei beneficiari dell’APE social e dei lavoratori precoci in seguito agli emendamenti presentati dal Governo.

Aumentano, infatti, del 64%, nel 2018, i beneficiari dell’Ape social che sono previsti passare dai 31 mila inizialmente programmati a poco meno di 51 mila (50.800) con un aumento di circa 20 mila unità.

I dati elaborati dal Nucleo tecnico per il coordinamento della politica economica, della presidenza del Consiglio dei ministri, sono stati forniti dal consigliere economico di Palazzo Chigi, Stefano Patriarca, in occasione di un convegno alla Cisl.
Nel dettaglio, per l’APE social, nel 2018, la platea dei beneficiari già programmata era di 16 mila persone. Con gli emendamenti del Governo i beneficiari aumento di 13.400 unità portando il totale a quota 29.400. Quanto ai lavoratori precoci, sempre nel prossimo anno, le domande programmate passano da 15.000 a 21.400 con un aumento del 43%. 

Patriarca ha spiegato che grazie alle misure messe in campo, negli ultimi due anni, “53 mila lavoratori dei 276 mila nuovi pensionamenti previsti per il 2019, andranno in pensione prima. L’anticipo va dai cinque mesi ai tre anni”, ha detto.

La prima tranche dell’anticipo pensionistico, verrà pagata entro dicembre, ha rilanciato il consigliere economico di Palazzo Chigi, Marco Leonardi. “Entro dicembre verranno pagate fino ai due terzi delle domande di APE social presentate entro il 15 luglio del 2017. Per l’anno prossimo sarà molto semplificata la procedura”. 

Leonardi, ha aggiunto che l’APE volontaria partirà a gennaio. “L’Anticipo pensionistico volontario dovrebbe partire a inizio anno, a gennaio: in settimana firmiamo gli ultimi accordi” con le banche.

Pensioni, aumenta platea beneficiari APE Social