Chiesa, allarme otto per mille – Crisi di offerte: quest’anno i vescovi incasseranno 35 milioni di euro in meno

Crisi di offerte: quest'anno i vescovi incasseranno 35 milioni di euro in meno

 

In forte calo la percentuale degli incassi provenienti dall’8 per mille. Un documento interno della Conferenza episcopale italiana rivela la preoccupazione dei vescovi per una diminuzione delle entrate.

“Per la prima volta da alcuni anni a questa parte – è scritto – si registra una diminuzione della percentuale delle firme a nostro favore che passano dall’89,82% all’86%”. Quasi quattro in punti in meno che si traducono in una rilevante perdita economica calcolata in circa 35 milioni di euro.

Secondo Adista, l’agenzia stampa cattolica, la Cei sta già correndo ai ripari con una lettera destinata ai cattolici italiani. Nel documento, dal titolo “Sostenere la Chiesa per servire tutti“, i vescovi inviterebbero sacerdoti, religiosi e catechisti a non avere timore nel chiedere i soldi ai fedeli “garantendo comunque la massima trasparenza nel far conoscere la situazione economica e i conti delle nostre parrocchie e di tutte le realtà ecclesiali”.

Ma tutto ciò sarebbe un’indiscrezione che la Cei smentisce attraverso un comunicato. “I vescovi – si legge – scriveranno agli italiani per dire loro grazie della fiducia dimostrata con le firme a favore della Chiesa Cattolica nella destinazione dell’otto per mille? “. E anzi ufficialmente si nega ogni preoccupazione, rallegrandosi per il fatto che le offerte a favore dello Stato siano tornate al livello fisiologico dell’11%, quota che storicamente hanno avuto negli anni.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Chiesa, allarme otto per mille – Crisi di offerte: quest’a...