Office wife, la moglie che esiste solo sul posto di lavoro

La moglie a lavoro? Esiste, ma non si tratta di amore. Quando un uomo e una donna lavorano insieme tra loro può scattare qualcosa di assolutamente professionale

La moglie a lavoro per molti uomini potrebbe rappresentare un vero incubo. Ma in questo caso quelle reali con cui si condividono gioie e dolori della vita non centrano nulla, si tratta di una nuova figura professionale, un nuovo modo di intendere il rapporto lavorativo che si instaura tra due colleghi di sesso opposto.

Le condizioni sono quelle di un matrimonio vero e proprio, ma non vi è alcun accenno a situazioni di amore in ufficio, forme di romanticismo o di intimità sessuale. Non si parla di amanti, di tradimenti, ma di un marito e una moglie all’opera in ufficio, legati da un rapporto platonico che viene vissuto esclusivamente nei confini stabiliti dal luogo lavorativo.

Questo nuovo modo di pensare al rapporto tra donne e uomini a lavoro è nato dall’ultimo film su Steve Jobs, inventore e co-fondatore del mondo della Apple. Durante tutta la sua carriera ha avuto una relazione professionale molto profonda e stimolante con la direttrice dell’area marketing, Joanna Hoffman, diventata poi solo in un secondo momento anche una sua grande amica nella vita reale. I due insieme hanno condiviso ambizioni, progetti e conquiste tutto in ambito professionale. Si trattava di una relazione, vera e sana, fatta di litigi, di incomprensioni, di chiarimenti e di momenti di confronto.

Se si pensa al passato, questa nuova concezione rappresenta una conquista nel mondo sociale. In alcuni ambiti lavorativi la donna non poteva neanche rivolgere la parola all’uomo perché era considerata inferiore e non capace. Ma oggi tutto è cambiato, siamo in un contesto storico che progressivamente si sta evolvendo e che considera la figura femminile e quella maschile totalmente alla pari. Questa pseudo unione professionale poi ha anche i suoi vantaggi. Un buon feeling tra due colleghi di sesso opposto può sicuramente stimolare le capacità intellettuali di entrambi.

Il confronto e il rapportarsi quotidianamente sui problemi lavorativi sono condizioni che portano a raggiungere livelli massimi di efficienza. Un aspetto molto importante che viene eliminato del tutto dal contesto lavorativo è sicuramente la competizione. Quando scatta tra colleghi è sempre considerata nociva per il raggiungimento degli obiettivi prefissati. Da non dimenticare però che questo rapporto non può e non deve incidere su quello reale, creando confusione su quello che è l’amore vero, legato alla realtà vissuta al di fuori delle spazi lavorativi.

Office wife, la moglie che esiste solo sul posto di lavoro