Nuovi Voucher lavoro ‘PrestO’: istruzioni per l’uso

Tutte le istruzioni per utrilizzarli fornite nel testo della Manovra Bis

Secondo quanto previsto dal nuovo articolo 54 bis “Disciplina delle prestazionali occasionali. Libretto Famiglia” del Dl 50/2017, rispetto ai vecchi voucher lavoro (aboliti), i nuovi PrestO potranno essere usati anche in Agricoltura, oltre che in tutte le aziende fino a un massimo di 5 dipendenti con contratti stabili.

Per accedere alle prestazioni, datori e lavoratori devono registrarsi in un’apposita piattaforma informatica INPS.

Per i privati arriva invece il Libretto Famiglia per il pagamento di:

  • piccoli lavori domestici, inclusi giardinaggio, pulizia o manutenzione;
  • assistenza domiciliare ai bambini e alle persone anziane, ammalate o con disabilità;
  • insegnamento privato supplementare;
  • bonus babysitter.

Il valore è di 12 euro lordi l’ora, che diventano 10 euro netti poiché sono a carico del lavoratore i contributi alla gestione separata INPS (1,65 euro), l’assicurazione INAIL contro gli infortuni (0,25 euro) e gli ”oneri gestionali” INPS (0,10 centesimi).

Le famiglie dovranno comunicare – entro il giorno 3 del mese successivo allo svolgimento della prestazione – i dati identificativi del prestatore, il compenso pattuito, il luogo di svolgimento, la durata della prestazione e ogni altra informazione necessaria ai fine della gestione del rapporto. Per il Libretto Famiglia è possibile utilizzare la piattaforma informatica INPS, chiamare i contact center, o rivolgersi a un ente di patronato.

Leggi anche:
Freitag, l’azienda svizzera senza capi (che funziona benissimo)
Azienda paga 15 euro per ogni chilo perso dai propri dipendenti
La felicità dei dipendenti è la chiave per produttività e fedeltà aziendale

Nuovi Voucher lavoro ‘PrestO’: istruzioni per l’uso