Non solo Neet. La rivoluzione dei giovani imprenditori che lottano contro la crisi

(Teleborsa) – Non siamo solo il Paese dei NEET, dove l’acronimo sta ad indicare i giovani che non studiano e non lavorano. Oggi, i titolari d’impresa giovani sono 175mila, di cui il 24,7% presente nel Nord-Ovest, il 15,7% nel Nord-Est, il 18,5% nelle regioni centrali, mentre nel Mezzogiorno la quota raggiunge il 41,1%.

È quanto emerge dal rapporto Censis-Confcooperative, presentato stamane a Roma. Non è vero quindi che le imprese nascono nelle zone più floride, ma anzi il fare impresa dei giovani sembra rispondere proprio alla crisi, crescendo più che proporzionalmente dove questa è più intensa. Il Mezzogiorno ne è un esempio. 

Nascono così “gli EET (Employed-Educated and Trained), quelli che ce la fanno, sfruttano le competenze acquisite e guardano all’attività d’impresa, ragazzi che hanno investito in istruzione e vinto il timore di mettersi in gioco”, spiega il Direttore del Corriere della sera, Luciano Fontana, che ha introdotto i lavori. 

“I giovani con una età compresa tra 15 e 29 anni che lavorano sono 2.630.000, pari all’11,7% degli occupati complessivi, e incidono sui redditi da lavoro per il 7,3%: un valore pari a 46,5 miliardi di euro, cioè il 2,8% del PIL” ha evidenziato il direttore di ricerca della Fondazione Censis, Andrea Toma.

Non solo Neet. La rivoluzione dei giovani imprenditori che lottano con...