La Ferrari nella top 100 dei marchi mondiali

Il Cavallino rampante si posiziona al 93esimo posto tra i brand più appetibili. In classifica anche Prada, Gucci e Armani


Cavallino rampante
sempre più global. Per la prima volta  la Ferrari entra nella top 100 dei marchi di maggior valore economico del mondo. Un lusinghiero 93esimo posto, appena una piazza sopra Armani e poco dopo altre rinomate maison di moda. Il valore stimato della casa di Maranello è di oltre 3,5 mld di euro. Che la Rossa fosse uno status symbol, l’oggetto del deisderio dei millantatori di opulenza, l’emblema di arricchimento per parvenu, la monoposto dominatrice dei campionati di Formula 1, ambasciatore del made in Italy nel mondo, erano tutti aspetti risaputi. Ora giunge l’autorevole conferma da parte dell’annuale ricerca condotta da Interbrand, che ha messo ordinato i marchi più profittevoli dell’economia mondiale.

 È Gucci il marchio italiano ad essersi imposto al meglio, conquistando il 45emo posto. Il valore stimato: 8.254 milioni di euro. Nella graduatoria anche Prada (al 91esimo posto in classifica con 3,585 miliardi di euro). Le prime piazze sono occupate dai mostri sacri dell’immaginario pubblcitario, conquistato grazie ad un marketing riconoscibilissimo. I marchi storici come Coca Cola restano i primi brand  tra le marche mondiali. Ibm sale in seconda posizione e Microsoft si colloca al terzo posto.

In grande risalita Google e tutti i marchi legati al mondo dell’informatica. Discesa vertiginosa dei marchi delle imprese bancarie come Merryl Lynch (ha perso il 21% del proprio valore), City Group (-14%) e Morgan Stanley (-16%).  
La top 100 non tiene conto solo del valore reale della società, ma anche del potere psicologico esercitato dal marchio, cioè della sua forza nei confronti di clienti e impiegati.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

La Ferrari nella top 100 dei marchi mondiali