LinkedIn: crescono le assunzioni in Italia, ma mancano professionisti digitali

Il Bel Paese soffre la carenza di professionisti qualificati nel settore digital: ecco i dati rilevati dalla ricerca condotta dal social network

Quali sono le principali tendenze del mercato del lavoro italiano? A questa domanda ha risposto il social network LinkedIn con i dati raccolti dal Recruiter Sentiment Italia 2019.

La ricerca, che è stata svolta prendendo in considerazione un campione di circa 300 responsabili delle HR provenienti da settori industriali diversi e sparsi in tutta Italia, ha analizzato la fiducia dei recruiter quando devono svolgere una selezione per la ricerca del candidato idoneo.

Il primo dato emerso è stato un aumento del numero di assunzioni nel Bel Paese nel 2018 e confermato dal 50% degli intervistati. Il 40% invece ritiene che il mercato del lavoro nostrano abbia un andamento stabile, contro il 10% che invece ha evidenziato una diminuzione del tasso di assunzione relativo allo scorso anno. Stando a quanto dichiarato da questi ultimi, i motivi risiederebbero ad esempio nella mancanza di strumenti adeguati nella selezione del personale, ma anche nella difficoltà di reperire figure professionali preparate o nel dover seguire processi di selezione lunghi.

Secondo i recruiter intervistati, alla base dell’aumento dei tassi di assunzione – soprattutto nel settore nel manifattueriero – ci sarebbero motivi quali:

  • la presenza di posti di lavoro che non era stati ancora ricoperti in passato (35%);
  • esigenze di specifici settori industriali (39%);
  • la presenza sul mercato di figure professionali con le competenze giuste (48%);
  • una più generale crescita del business in Italia (57%).

Il Recruiter Sentiment di LinkedIn, ha però evidenziato che una buona percentuale dei responsabili delle Risorse Umane, ovvero il 40%, ritiene che non ci siano abbastanza candidati qualificati nell’ambito digitale rispetto alla richiesta effettiva. Si tratta di un settore che sta crescendo velocemente e che rappresenta il futuro per numerose aziende. Le opportunità non mancano e ce ne saranno sempre di più nei prossimi anni. Nonostante ciò, la preparazione dei giovani non è adeguata, senza contare che in questo campo, sembra che la bassa preparazione riguardi soprattutto le donne.

Quali sono le regioni dove sono più richieste le digital skill? In testa c’è la Lombardia con il 51%, seguita dal Lazio con il 30% e dall’Emilia Romagna con il 25%.

Non solo hard skill, oggi per le HR il candidato ideale deve possedere il giusto mix tra hard e soft skill, come già evidenziato da una ricerca svolta dallo stesso LinkedIn.

Tea le competenze che, stando a quanto rilevato dai recruiter, mancano ai professionisti italiani ci sono:

  • capacità di leadership (26%);
  • senso di collaborazione (27%);
  • saper gestire il tempo per organizzare il lavoro (28%);
  • creatività (30%);
  • capacità di problem solving (31%);
  • essere in possesso di competenze nel campo tecnologico e di coding (36%).

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

LinkedIn: crescono le assunzioni in Italia, ma mancano professionisti&...